Politica

Casa a Saint Moritz "dimenticata": De Corato denuncia Beppe Sala

Il candidato di centrosinistra non l'avrebbe inserita nell'autocertificazione prevista per legge. Maran (Pd): "De Corato non fu così solerte sull'abuso edilizio del figlio della Moratti"

Strascichi giudiziari per la "dimenticanza" della casa di Saint Moritz di Giuseppe Sala, che il candidato a sindaco di centrosinistra non ha dichiarato nell'autocertificazione prevista dalle norme sulla trasparenza amministrativa a carico di chi è a capo di un'azienda pubblica. Riccardo De Corato, candidato capolista di Fratelli d'Italia, ha presentato un esposto in procura.

Nella dichiarazione, Sala avrebbe omesso - secondo quanto emerso successivamente - sia un appartamento a Pontresina, in Alta Engadina a sette chilometri da Saint Moritz, sia un terreno a Zoagli, in Liguria. E questo configurerebbe un reato penale. «Ho deciso di segnalare i fatti in procura per dovere e senso civico. E' giusto che i milanesi sappiano chi potrebbe governare la loro città», ha affermato De Corato.

Ma dal centrosinistra arrivano le repliche immediate. «Quando De Corato era vicesindaco, non ricordo altrettanta solerzia per l'abuso edilizio del figlio di Letizia Moratti», ha commentato Pierfrancesco Maran, assessore uscente alla mobilità e candidato nel Partito democratico, riferendosi alla ormai celebre "bat-casa" di Gabriele Moratti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa a Saint Moritz "dimenticata": De Corato denuncia Beppe Sala

MilanoToday è in caricamento