Messina (idv): "Maroni scopre mafia in Lombardia, per coerenza chieda dimissioni presidente Aler Lombardi"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

"Maroni oggi ha scoperto che in Lombardia esiste la mafia e da disponibilità perché i beni confiscati siano rimessi a disposizione della collettività. Ci fa piacere che finalmente si sia svegliato dal torpore e che ammetta che la presenza della criminalità organizzata riguardi anche la sua regione. Il primo passo di coerenza potrebbe essere quello di rimuovere dalla carica di Presidente dell'Aler, il Prefetto Lombardi, da lui nominato e salito agli onori della cronaca per aver dichiarato da prefetto che "le mafie in Lombardia non esistono". Tutt'altro. In questa regione c'è anche un problema di occupazione abusiva delle case. Una situazione che si sta rivelando un dramma sociale ed un modo per ovviare al problema è promuovere un modello di legalità. Riuscire a sbloccare i più di mille beni confiscati presenti e riassegnarli a fini sociali sarebbe un grande passo in avanti. Molte persone che vivono nel disagio potrebbero avere risposte e soluzioni. Per fare in modo che questo sia possibile, in Lombardia come in tutte le altre regioni, è necessario che dal governo centrale parta una decisione in questa direzione attraverso la piena revisione del sistema, legislativo e burocratico ed istituendo un albo che ne raccolga i dati complessivi." E' quanto dichiara in una nota il Segretario Nazionale di Italia dei Valori Ignazio Messina.

Torna su
MilanoToday è in caricamento