rotate-mobile
Politica

Formigoni contrattacca: "Se la Lega vuole dialogo ritiri le dimissioni"

"Decidano se vogliono far parte dell'alleanza in Lombardia, Veneto e Piemonte". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni

Se i leghisti vogliono il dialogo devono ritirare le dimissioni, decidano se vogliono far parte dell'alleanza in Lombardia, Veneto e Piemonte". Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni è intervenuto nel programma "La telefonata" di Maurizio Belpietro, su Canale 5, riferendosi al momento che sta attraversando il Pirellone.

"L'accusa sollevata contro Zambetti è di una gravità assoluta, è inaccettabile - ha proseguito il governatore lombardo - o è un abbaglio incredibile della magistratura,e credo proprio di no, oppure Zambetti è uno spergiuro che ha tradito la fiducia di tutti noi. Siamo in presenza di un politico che non solo ha tradito, è andato a comprare voti dalla 'ndrangheta, ma ha tradito anche il proprio presidente e il proprio partito''.

"Di fronte a questo salto di qualità negativo - ha aggiunto - io prenderò decisioni forti, nette. La 'ndrangheta non deve avere accesso nelle istituzioni e non lo avrà".

Alla domanda sulle sue mancate dimissioni il "celeste" replica: "Non ho detto questo (che non mi dimetto, ndr), ho detto che la Lega ieri ha dato le proprie dimissioni, io ne ho preso atto. Se la Lega conferma che è fuori dai giochi andrò a un rinnovamento completo della Giunta o si andrà ad elezioni". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Formigoni contrattacca: "Se la Lega vuole dialogo ritiri le dimissioni"

MilanoToday è in caricamento