Politica

Corsie preferenziali, l'esercito delle 4mila "very important people"

Divulgati i 4mila possessori di pass per le corsie preferenziali a Milano. Ci sono politici, banchieri, stilisti. Maran: "Si potrà sfoltire del 40%"

Una delle corsie preferenziali presenti a Milano

Sono oltre 4mila. Un battaglione di vip, personaggi dello spettacolo, politici, giornalisti, sportivi. E' l'elenco, reso pubblico venerdì 30 marzo 2012, delle "personalità" che hanno diritto all'accesso alla corsia preferenziale nel Comune di Milano. 

Palazzo Marino ha deciso di dare una stretta a questi nomi, come da tempo si paventata (per chi è tra i fortunati). Secondo l'assessore alla Mobilità Pier Maran, le "elargizioni" potrebbero essere tagliate del 40% in tempi brevi. Chi ha questo speciale pass, infatti, si può permettere di saltare code e ingorghi, viaggiare insieme a bus e taxi, fare percorsi alternativi a quelli preclusi ai comuni mortali; insomma, essere completamente fuori dal traffico che attanaglia quotidianamente Milano. 

Scorrendo l'elenco (che vi proponiamo qui) i nomi noti sono tantissimi: dai direttori di giornale (Emilio Fede, Maurizio Belpietro, Alessandro Sallusti e anche Valerio Staffelli) ai politici (Renzo Bossi, Davide Boni, Claudio Scajola), passando per i grandi nomi dell'economia - banchieri e finanzieri - a quelli della moda - Armani, Dolce & Gabbana, eccetera. Molti enti o aziende di grande rilevanza hanno a disposizione due, tre, fino a 12 targhe. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsie preferenziali, l'esercito delle 4mila "very important people"

MilanoToday è in caricamento