rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Elezioni comunali 2021

Albertini non sarà il candidato del centrodestra: "Avrei voluto Sala come vice"

L'ex sindaco di Milano ha detto di no per motivi famigliari: "Voglio trascorrere il mio tempo con la mia famiglia"

Gabriele Albertini non sarà il candidato sindaco del centrodestra. L'ex sindaco di Milano si è sfilato dalla corsa alla poltrona più importante di Palazzo Marino dopo che negli ultimi giorni era stato indicato come possibile sfidante per il sindaco uscente Beppe Sala. È stato lo stesso Albertini, dopo i rumors circolati nella giornata di mercoledì, ad annunciarlo con una lettera aperta inviata al quotidiano Libero.

"Grazie miei cari concittadini, mi avete reso, per qualche giorno, davvero felice della vostra riconoscenza, del vostro grato ricordo — si legge in un passaggio della missiva —. Stavo per cedere, per dire sì ma mi sono fermato davanti alla mia famiglia 'bicellulare' (siamo solo in due a vivere insieme) e a mia moglie non potevo infliggere un disagio, per lei così insopportabile, per un terzo quinquennio". "Dopo avervi ringraziato — ha sottolineato Albertini — vi chiedo scusa miei cari concittadini, non ho corrisposto alle vostre attese, mi sono sottratto alle vostre richieste e ho preferito sperare di trascorrere, serenamente, con la mia famiglia, finché ci sarà salute, l'ultimo ottavo di vita media, dopo averne trascorsi sette, grazie anche a voi, con grandi soddisfazioni. Spero vorrete perdonarmi".

Poi Albertini ha esternato un pensiero che, ha detto, "forse non piacerà a Salvini", ma che nel giorno della sua rinuncia sembra un endorsement al sindaco uscente. "Se fossi stato eletto — ha scritto — ecco il mio primo atto di sindaco di Milano: chiedere a Beppe Sala di entrare nella Giunta municipale come vicesindaco, magari accompagnato da alcuni assessori suggeriti da lui o dalle forze politiche responsabili che lo sostengono". 

Elezioni comunali: il centrodestra non ha ancora un candidato

Il centrodestra non ha ancora un candidato per le amministrative di ottobre. Per mesi il centrodestra ha cercato il candidato sindaco sondando varie personalità, dal manager Roberto Rasia dal Polo (che si era dichiarato disponibile e che, forse, correrà nella lista della Lega) all'editrice e docente Federica Olivares (che, probabilmente, guiderà la lista di Forza Italia), fino all'oncologo Paolo Veronesi (che si era detto lusingato dell'offerta chiarendo che non avrebbe rinunciato al suo lavoro e che la sua famiglia ha un'estrazione a sinistra). Il leader della Lega, Matteo Salvini, nei giorni scorsi aveva fatto sapere che il centrodestra indicherà il candidato sindaco di Milano a metà maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albertini non sarà il candidato del centrodestra: "Avrei voluto Sala come vice"

MilanoToday è in caricamento