rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Elezioni comunali 2021

Sala, altra frecciata a Bernardo: "Servono persone capaci. C'è il voto disgiunto"

"Un sindaco rimane per 5 anni, non può essere licenziato, deve gestire cose importanti: ci vogliono persone competenti". L'appello di Sala al voto della parte politica opposta

Beppe Sala gioca tutte le sue carte in chiusura di campagna elettorale. E cerca di "sfilare" voti a chi si è trovato deluso da Bernardo e dalla campagna del centrodestra. Ultima settimana e l'appello a tutti. "Io dico agli elettori del centrodestra che c'è anche il voto disgiunto (la possibilità di votare una lista e un candidato sindaco non collegato a quel partito, ndr)", ha detto il primo cittadino, ricandidato, in vista delle elezioni di domenica, a margine dell'inaugurazione della cerimonia di scoprimento della targa in memoria di Carla Fracci, posta sul muro della casa di ringhiera dove visse con la sua famiglia.

"La destra c'è, c'è un elettorato conservatore e di centrodestra, è un elettorato a cui io magari mi rivolgo, anche perché esiste ed è nelle regole democratiche il voto disgiunto - ha proseguito -. Quindi magari se qualcuno ci pensa, un sindaco te lo tieni per 5 anni, non esiste se non in casi rarissimi che un sindaco si dimetta, non può essere licenziato. I cinque anni prossimi saranno delicati, saranno gli anni dei fondi del Pnrr, del rilancio dell'uso del Pnrr, servono persone competenti".

La frecciata quindi sulla capacità "manageriale" del contendente, peraltro già espressa dal candidato leghista di Torino Damilano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sala, altra frecciata a Bernardo: "Servono persone capaci. C'è il voto disgiunto"

MilanoToday è in caricamento