Municipi, cambia la regola: presidenti eletti con più del 50%, altrimenti sarà ballottaggio

Finora la regola prevedeva il 40% (inusuale) come soglia per essere eletti al primo turno

I presidenti di Municipio saranno a tutti gli effetti eletti come i sindaci dei Comuni sopra i 15 mila abitanti: una apposita modifica dello Statuto del Comune di Milano è stata approvata dal consiglio comunale lunedì 2 novembre. Nel 2016, quando sono stati istituiti i Municipi (corrispondenti alle vecchie Zone), Palazzo Marino aveva stabilito che, per evitare il ballottaggio, sarebbe bastato ottenere almeno il 40% più uno dei voti validi.

Solitamente invece occorre almeno il 50% più uno: ad esempio per eleggere i sindaci nei Comuni sopra i 15 mila abitanti. Questa norma è stata quindi cambiata per uniformarsi totalmente alla legge in vigore per i sindaci. Nel 2016, alle scorse elezioni, in nessuno dei nove Municipi si tenne il ballottaggio perché, ovunque, almeno un candidato presidente superò il 40% dei voti espressi. Per la cronaca vinse il centrodestra in cinque Municipi e il centrosinistra in quattro.

Con la modifica è molto probabile che in tutti i Municipi, nel 2021, si terrà il ballottaggio, come per l'elezione del sindaco di Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento