Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Elezioni comunali 2021

Elezioni comunali Milano, chi non entra in consiglio comunale (ci sono nomi 'pesanti')

Assenze pesanti nel consiglio comunale che verrà. I dettagli

Per chi ride - Beppe Sala e la sua squadra -, c'è chi piange. E non poco. Sono i non eletti delle elezioni comunali di Milano, gli esclusi al termine di una chiamata alle urne che ha confermato il sindaco uscente al primo turno e ha regalato numeri decisamente sotto le aspettative per tutto il centrodestra. 

La nuova giunta Sala, chi sarà il vicesindaco

E proprio dal centrodestra restano fuori dal consiglio comunale nomi grossi, "pesanti". I tonfi più significativi si registrano nella Lega, che supera di poco il 10%. Se "miss preferenze" è Silvia Sardone, con i suoi oltre 3mila voti, fanno rumore le cadute verticali di alcuni volti noti. Gianfranco Senna, 802 preferenze, non sarà a palazzo Marino, nonostante sia consigliere regionale e uomo molto vicino al leader Matteo Salvini. Ma la compagnia è "buona". Porte chiuse al comune anche per Gabriele Abbiati, Laura Molteni, Oscar Strano - che arrivava dal municipio -, l'ex capo dei vigili Antonio Barbato e soprattutto per Max Bastoni, tra i leghisti più famosi in città e uomo - per sua stessa ammissione - anche della destra più estrema

Chi entra in consiglio comunale

Non va meglio in Forza Italia, che ha portato a casa uno striminzito 7,08%. Non eletti Marco Cagnolati - 1.011 voti per l'ex consigliere di municipio 3 - e Fabrizio De Pasquale, nome storico degli azzurri che si è fermato a quota 910 "crocette". In Fratelli d'Italia - di poco sotto il 10%, con Vittorio Feltri in grande spolvero - niente da fare per Michele Mardegan, ex esponente di An in comune, e per Massimo Girtanner, l'uomo scelto dal decano Riccardo De Corato come suo "successore". Strada verso palazzo Marino sbarrata anche per Rebecca Arippol - capolista della civica di Bernardo -, per la grillina Layla Pavone e per l'ex cinque stelle Gianluigi Paragone, entrambi candidati sindaco. 

Nel centrosinistra, però, non tutti sorridono. All'exploit del Pd - sopra il 33%, con Pier Maran grande protagonista - fanno da contraltare gli scarsi risultati di Milly Moratti, 686 voti, e Dijana Pavlovic, sole 323 preferenze. Nella civica di Sala male l'assessore uscente al turismo Roberta Guainieri, che con i suoi 956 voti non rientra a palazzo Marino. Fuori anche altri due ex esponenti della giunta: a Paolo Limonta, fino a sabato all'edilizia scolastica, non bastano le oltre 1000 preferenze nella sua lista Milano unita e a Lorenzo Lipparini, ex partecipazione, non sono sufficienti i 508 voti raccolti tra le fila dei Radicali. Per entrambi l'unica strada per rientrare a palazzo Marino è ottenere un assessorato nella nuova giunta di Beppe Sala. 

Tutto sulle elezioni di Milano
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali Milano, chi non entra in consiglio comunale (ci sono nomi 'pesanti')

MilanoToday è in caricamento