Domenica, 26 Settembre 2021
Elezioni comunali 2021

Elezioni comunali Milano 2021, quando e come si vota. La guida

Tutte le informazioni utili per la chiamata alle urne

Tutti alle urne. Il 3 e 4 ottobre prossimi, con eventuale ballottaggio fissato per due settimane dopo, Milano è chiamata a scegliere il proprio sindaco. I candidati in corsa per lo scranno più importante di palazzo Marino sono 13, le liste a loro collegate 28. 

Elezioni Milano, quando si vota e chi può votare

Le elezioni comunali di Milano inizieranno domenica 3 ottobre, con i seggi aperti dalle 7 alle 23. Lunedì 4 ottobre si vota dalle 7 alle 15. Il possibile ballottaggio è invece fissato per domenica 17 ottobre, dalle 7 alle 23, e per lunedì 18 ottobre, dalle 7 alle 15. 

Tutti i candidati sindaco di Milano

Hanno diritto di voto tutte le cittadine e i cittadini italiani residenti a Milano che abbiano compiuto 18 anni. Per esercitare il diritto di voto occorre presentarsi al proprio seggio elettorale con un documento d’identità e con la tessera elettorale (qui il link per richiedere il duplicato).

I cittadini sono chiamati a eleggere il sindaco e i 48 componenti del consiglio comunale e i 9 presidenti di municipio e i 30 componenti del consiglio comunale. Per essere eletta al primo turno, la persona candidata a sindaco o a presidente deve superare il 50% dei voti validi. Altrimenti i due più votati vanno al ballottaggio. 

Elezioni comunali Milano, come si vota

Gli elettori hanno diverse possibilità di scelta. Con una croce su una lista il voto va alla lista e chiaramente si trasferisce al candidato sindaco collegato, mentre con una croce sul nome di un candidato sindaco il voto non si trasferisce ad alcuna lista collegata.

È possibile scegliere anche una lista e il nome di un candidato sindaco, con due "X", oppure avvalersi del voto disgiunto, barrando il nome di un candidato sindaco e una lista non della stessa coalizione. Prevista anche la possibilità di inserire delle preferenza: con la croce su una lista si possono indicare uno o due cognomi - in questo caso di sessi diversi - di candidati al consiglio comunale di quella lista.

Il 6 settembre è stato sorteggiato l'ordine con cui i candidati appariranno sulle schede elettorali.  Il primo estratto è stato Giorgio Goggi, con le liste Socialisti di Milano e Milano Liberale. Una posizione "ambita" perché particolarmente visibile. Al secondo posto il primo dei candidati comunisti, Natale Azzaretto con il Partito comunista dei lavoratori. A seguire Gabriele Mariani con le liste Civica AmbientaLista e Milano in Comune. Dopo di lui Layla Pavone, prima delle due donne candidate a sindaco, con il Movimento 5 Stelle in suo sostegno. Seguono Alessandro Pascale, con il Partito comunista, e Mauro Festa, con il Partito gay. Settimo è Gianluigi Paragone, sostenuto da due liste: Paragone sindaco e Grande Nord. Ottavo il sindaco uscente Beppe Sala. Dopo la nona posizione occupata da Teodosio De Bonis con il Movimento 3V, arriva il turno dell'avversario principale di Sala, Luca Bernardo, sostenuto dal centrodestra con sei liste. Undicesimo sarà Bryant Biavaschi con la lista Milano inizia da qui. Poi Marco Muggiani con il Pci e, infine, Bianca Tedone con Potere al Popolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali Milano 2021, quando e come si vota. La guida

MilanoToday è in caricamento