Venerdì, 17 Settembre 2021
Elezioni comunali 2021

Quanto spenderanno i partiti e i candidati sindaci alle comunali di Milano del 2021

Le liste a sostegno di Bernardo (centrodestra) preventivano 850 mila euro, quelle per il sindaco uscente Sala molto di meno

Salvini e Bernardo in campagna elettorale (foto Oscar Strano, Fb)

Il centrodestra a Milano spenderà più di 800 mila euro (per l'esattezza 825.650) per la campagna elettorale del candidato sindaco (Luca Bernardo) e delle liste di coalizione (Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Civica Luca Bernardo, Milano Popolare-Lupi, Partito Liberale Europeo). Lo si evince dai bilanci preventivi depositati il Comune e pubblicati nell'albo pretorio. La lista che spenderà di più è proprio la lista civica dhe porta il nome del candidato sindaco: 350 mila euro, di cui 120 mila euro in manifesti (e non è allora forse un caso che la polemica più accesa di questi giorni stia proprio nel ritardo sulla disponibilità dei tabelloni elettorali per le liste). Nel centrodestra, la lista che si è prefissata di spendere meno è quella del Ple, con poco più di 15 mila euro.

Molto più bassa la cifra preventivata dal centrosinistra: poco più di 230 mila euro di cui più della metà (125 mila) da parte del Partito democratico, mentre la lista civica di Beppe Sala, sindaco uscente e ricandidato, preventiva appena ottomila euro. Non è però la lista più 'risparmiosa' del centrosinistra: la battono ben tre liste, ovvero Milano Radicale (settemila euro), Miilano Unita (seimila euro) e Milano in Salute (cinquemila euro). Più disponibilità economica da parte dei Riformisti (oltre 50 mila euro), la lista di centro che unisce Azione, Italia Viva, Alleanza civica, +Europa, Centro democratico e altre sigle.

Gli altri: quattro sopra i 30 mila euro

Fuori dai principali schieramenti si candidano altri undici aspiranti sindaci, ciascuno sostenuto da una o due liste al massimo. Tra questi, quelli che hanno preventivato di spendere di più sono Bryant Biavaschi (con la sua Milano inizia qui, poco più di 40 mila euro), Giorgio Goggi (sostenuto da Socialisti di Milano e Milano Liberale, quasi 39 mila euro) e Gianluigi Paragone (Paragone sindaco e Grande Nord, 37 mila euro abbondanti). C'è poi Gabriele Mariani, candidato della coalizione rosso-verde (Milano in Comune e Civica AmbientaLista), con 32 mila euro equamente divisi tra le due liste.

Appena mille euro per i 5 Stelle

Irrisoria la spesa preventivata dal Movimento 5 Stelle (con la candidata a sindaco Layla Pavone): appena mille euro. Meno di duemila la spesa di Potere al Popolo (con la candidata a sindaco Bianca Tedone). E i tre partiti che si ispirano alla Falce e Martello? A spendere di meno sarà il Partito Comunista Italiano (Marco Muggiani), con 950 euro. Poco di più (1.050 euro) il Partito Comunista (Alessandro Pascale). Infine, con 1.200 euro, il Partito Comunista dei Lavoratori (Natale Azzaretto).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quanto spenderanno i partiti e i candidati sindaci alle comunali di Milano del 2021

MilanoToday è in caricamento