Mercoledì, 23 Giugno 2021
Elezioni comunali 2016

Primarie, Dario Fo: «I candidati? Indegni per Milano»

Il giudizio, tutt'altro che diplomatico, del Nobel per la Letteratura sui tre principali sfidanti alle primarie di centrosinistra

Dario Fo

Una stroncatura da Nobel, in piena regola. Dario Fo, l'artista milanese, non ha peli sulla lingua: i candidati alle primarie milanesi di centrosinstra non gli piacciono.

«Sala, Balzani, Majorino? Non mi piace nessuno dei tre, sono indegni di Milano», ha detto Fo al programma di Radio 2 "Un giorno da pecora". Non poteva esser meno diplomatico. Alla domanda su chi gli piace in assoluto di meno, la risposta che rievoca vecchie ruggini: «Forse Majorino è il più indegno, quando mi sono presentato come sindaco mi rubava le battute», ha accusato il Nobel riferendosi all'esperienza del 2001 con la lista "Miracolo a Milano", per la quale alla fine Fo rinunciò alla candidatura a sindaco in favore di Sandro Antoniazzi per tutto il centrosinistra.

E per la cronaca, una lista con il Nobel 'ispiratore' si ripresentò anche nel 2006: questa volta si chiamava "Uniti con Dario Fo" e il Nobel non si candidò a sindaco ma, come capolista, al consiglio comunale, venendo anche eletto (ma rinunciò per Basilio Rizzo).

Tornando a Majorino, il giudizio di Fo è netto: «Facevo comizi, il giorno dopo sentivo da lui gli stessi impianti, le stesse situazioni. E dicevo: recitale meglio almeno, le battute». Su Sala, invece, la critica maggiore non è sul fatto che "si dice sia di destra", quanto piuttosto sui bilanci di Expo: «Ha la preoccupazione di nascondere il suo passato ultimo, che mi indigna».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie, Dario Fo: «I candidati? Indegni per Milano»

MilanoToday è in caricamento