Elezioni comunali 2016 Porta Romana / Via Orti

Scali e primarie centrosinistra: Lucia De Cesaris contro tutti

L'ex vicesindaco critica Pisapia, Balzani e Balducci. E si dice pronta a correre alle primarie

Lucia De Cesaris (Infophoto)

Dopo la "grande sconfitta" sugli scali ferroviari, Ada Lucia De Cesaris non ci sta. L'ex vicesindaco (dimessasi nell'estate 2015) è la vera artefice dell'accordo di programma tra il comune di Milano e le Ferrovie dello Stato per il recupero di queste enormi aree. Un lavoro duranto a lungo, comprensibile il rammarico per il "no" del consiglio comunale e la successiva decadenza dopo che non è andato a buon fine nemmeno il secondo tentativo in aula.

«E' un grave danno per la città», spiega De Cesaris intervistata da Radio Popolare, «e meritava maggiore attenzione. Qualcuno ha detto che non c'erano divisioni e che andava tutto bene. Pare che il risultato dimostri che le preoccupazioni erano reali». Secondo l'ex vice sindaco, «la vicenda è stata molto mal gestita da chi doveva proteggere questo lavoro. Credo che sindaco (Pisapia, n.d.r.), vice sindaco (Balzani, n.d.r.) e assessore (Balducci, n.d.r.) avrebbero dovuto porre più attenzione.

Riguardo alle primarie di centrosinistra, De Cesaris ha 'aperto' alla possibilità di candidarsi «se Pierfrancesco Majorino fosse costretto a ritirarsi» per fare spazio soltanto a Giuseppe Sala e Francesca Balzani. Una possibilità nemmeno troppo remota, visto che il pressing interno al Partito democratico per non avere due assessori uscenti del Pd in corsa (Majorino e Balzani) c'è.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scali e primarie centrosinistra: Lucia De Cesaris contro tutti

MilanoToday è in caricamento