Elezioni comunali 2016

Di Pietro: "Io candidato sindaco di Milano? Se i grillini mi appoggiano, perchè no"

"C'è ancora molto da fare a Palazzo Marino". L'ex magistrato ribadisce il concetto già espresso a ottobre 2014. Con il sostegno del Movimento 5 Stelle, potrebbe essere in corsa per le Comunali 2016

Antonio Di Pietro

L'idea gli balena in testa già da un po' di tempo. L'aveva già detto ad ottobre 2014, parlando di Giuliano Pisapia ("Un bravo politico, ma ci vuole il pugno di ferro"): "Candidarmi io, perchè no?".

Così Antonio Di Pietro, ex ministro e anima dell'Italia dei valori, ribadisce il concetto, domenica 15 marzo, in un'intervista a La Stampa. Stavolta con l'aiuto del Movimento 5 Stelle: "Non mi candido tanto per candidarmi. Se ci metto la faccia e parto così presto non è solo per partecipare". E sul sostegno dei grillini, "bisogna essere in due per sposarsi. Il M5S per definizione non appoggia persone che abbiano già ricoperto un mandato politico e non lo voglio tirare per la giacca", ma "apprezzo che si sia affermato quando è andato in declino l'Idv. Hanno la stessa ragion d'essere".

Secondo l'ex magistrato di Tangentopoli, a Palazzo Marino c'è molto da fare. "Milano è l'espressione più chiara del fatto che non è cambiato nulla dalla prima Repubblica. La city milanese tesse gli stessi intrighi di potere che c'erano durante Tangentopoli".

E parlando ancora del movimento di Beppe Grillo: "Sono molto contento che il cittadino abbia potuto sfogare nelle urne la rabbia e la delusione contro un sistema corrotto. Però caro Beppe, non basta limitarsi alla protesta, bisogna passare alla proposta", conclude Di Pietro

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Pietro: "Io candidato sindaco di Milano? Se i grillini mi appoggiano, perchè no"

MilanoToday è in caricamento