Martedì, 15 Giugno 2021
Elezioni comunali 2016 Corsica / Piazza Giuseppe Grandi

A sinistra di Sala spunta un altro nome: l'avvocato socialista Felice Besostri

Noto per le sue battaglie sull'incostiuzionalità delle leggi elettorali italiane, l'ex senatore si è detto disposto a candidarsi

Felice Besostri

Un'altra possibile candidatura a sindaco di Milano: nel weekend del 27-28 febbraio si è molto parlato dell'ipotesi di Felice Besostri, avvocato noto per le sue battaglie contro le leggi elettorali italiane, ultimo l'Italicum, da lui giudicato incostituzionale. Suo è anche il procedimento che ha portato a sancire l'incostituzionalità del Porcellum. L'interessato ha fatto sapere di essere disposto a candidarsi.

La sua discesa in campo sarebbe nell'area che comprende soprattutto la sinistra radicale, ma anche i socialisti, i radicali e alcuni ambienti laici non di sinistra. Un'area in cui gravita anche un altro nome "di peso": il giornalista ed europarlamentare de L'Altra Europa con Tsipras, Curzio Maltese.

Milanese d'adozione, da sempre socialista, Besostri è stato senatore per i Democratici di sinistra (Ds) dal 1996 al 2001. Per le sue battaglie contro le leggi elettorali è diventato nel tempo un punto di riferimento per gli elettori di sinistra, ma non si è più ricandidato a nessuna elezione. Dopo le primarie di centrosinistra che hanno segnato la vittoria di Beppe Sala e la designazione di Stefano Parisi come candidato del centrodestra, Besostri ha scritto nel suo blog un post in cui parla di «un progetto di rivoluzione partecipativa» attraverso «una lista civica di progresso (..) che costringa al ballottaggio i candidati sindaci, già direttori generali del comune». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A sinistra di Sala spunta un altro nome: l'avvocato socialista Felice Besostri

MilanoToday è in caricamento