Parisi: «Da sindaco cancello il registro delle unioni civili e quello del biotestamento»

Il candidato a sindaco del centrodestra lo ha affermato durante la presentazione del simbolo di Milano Popolare, che rappresenterà l'area cattolica moderata

Parisi e Lupi (Fb)

Cancellare il registro delle unioni civili e anche quello del testamento biologico. Lo ha promesso Stefano parisi, candidato a sindaco per il centrodestra, durante la presentazione della lista Milano Popolare, che raccoglierà soprattutto esponenti del Nuovo centrodestra di Lupi e Alfano. «L'amministrazione comunale non deve fare azioni dimostrative, come il registro delle coppie di fatto e anche la scritta 'Family Day' sul Pirellone», ha spiegato Parisi.

La conferma di una tesi già espressa all'indomani dell'accettazione della candidatura da parte del manager con un passato laico-socialista. In quella circostanza, Parisi si era detto personalmente a favore dei riconoscimenti alle cosiddette "coppie di fatto", purché venissero da una legge dello Stato e non da atti amministrativi senza un grande valore sostanziale. E aveva, addirittura, "aperto" alle adozioni da parte di coppie omosessuali.

La lista Milano Popolare, intanto, è stata ufficialmente presentata, ma non si sa chi si candiderà a capolista. Si è fatto il nome dell'ex ministro dei trasporti Maurizio Lupi, ma non è detto che alla fine la scelta ricada su di lui.

Il registro delle unioni civili è stato istituito a Milano durante l'amministrazione di Giuliano Pisapia. Permette ai conviventi di registrarsi ufficialmente come tali e, di conseguenza, di ottenere l'accesso a determinate agevolazioni laddove pensate per i nuclei familiari. E' stato approvato con il voto favorevole di due esponenti di Forza Italia (Pietro Tatarella e Luca Pagliuca) e di Manfredi Palmeri (Polo dei Milanesi).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il registro dei testamenti biologici consente ai cittadini di depositare in comune un documento in cui sia scritto dove e presso chi sono state lasciate le disposizioni relative ai trattamenti medici in caso di perdita di coscienza irreversibile e indicazioni relative al trapianto degli organi. E' stato approvato dal consiglio comunale con il voto favorevole di un leghista (Igor Iezzi) mentre Forza Italia e Polo dei Milanesi non hanno partecipato al voto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Lombardia, nuova ordinanza: confermato il coprifuoco, recepite le regole del Dpcm

  • Bollettino coronavirus: 5mila contagi in Lombardia, boom di ricoveri. Ecco la situazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento