Lunedì, 17 Maggio 2021
Elezioni comunali 2016 Duomo / Piazza della Scala

Dopo Pisapia: stessa coalizione e primarie a novembre 2015

Riunione "d'emergenza" della coalizione di centrosinistra dopo l'annuncio di Pisapia sulla non ricandidatura a sindaco

Palazzo Marino

Immediata e unanime la decisione sulle primarie per il candidato a sindaco, da parte del centrosinistra milanese, dopo l'annuncio di Giuliano Pisapia che ha confermato di non volersi ricandidare nel 2016 per il secondo mandato. Lo stato maggiore dei partiti di centrosinistra si è riunito in via Pergolesi, sede del Pd, per fare il punto della situazione, lunedì mattina.

Dall'incontro è emersa la conferma del metodo delle primarie e anche - e non era così scontato - dell'unità della coalizione, che nel 2011 era composta da Pd, Rifondazione, Sel, Milano Civica, Verdi, Arancia (lista Milly Moratti), Idv e Radicali. Negli ultimi tempi si era parlato della possibilità di "spostare al centro" la coalizione, sulla scorta del governo nazionale, dove il Pd governa insieme al Ncd ma senza Sel e Rifondazione.

L'idea è stata sostanzialmente smentita dalle dichiarazioni di Pietro Bussolati, segretario metropolitano del Pd e "renziano" di ferro, che ha chiarito l'intenzione di mantenere la coalizione del 2011, anche se "quest'ultimo anno, e non solo, sarà un test per vedere chi ci sarà e chi no", ha aggiunto, precisando comunque di non avere intenzione di includere soggetti di centrodestra nella coalizione stessa.

Quanto alle primarie, si faranno molto probabilmente a novembre. Dalla riunione è emersa l'idea di formare un "comitato di saggi", guidato da Giuliano Pisapia, per ""guidare il percorso" verso le consultazioni. Di nomi, per il momento, non se ne sono fatti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo Pisapia: stessa coalizione e primarie a novembre 2015

MilanoToday è in caricamento