Elezioni comunali 2016

Primarie, scoppia il caso sugli elettori "cinesi". Grillo: "Voto taroccato"

Ironica la replica di Renzi e Bussolati: "Effettivamente, gli stranieri che hanno votato sono di più delle finte votazioni che hanno scelto Patrizia Bedori come candidata del Movimento 5 Stelle"

Uno dei cinesi al voto (foto Repubblica)

Proseguono i voti per le Primarie del centrosinistra a Milano per scegliere il candidato sindaco: domenica i numeri sono in linea con le consultazioni che scelsero Giuliano Pisapia: 18mila votanti a mezzogiorno, oltre agli 8mila di sabato. 5 anni fa furono 25mila. 

Tiene testa la polemica sul "presunto voto di scambio" della comunità cinese per Giuseppe Sala. Attacca Beppe Grillo: "Le primarie del Pd sono taroccate", tuona il leader del M5s. "Facile parlare per "chi fa le primarie con 50 clic", ribatte il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

"Hanno sempre da ridire sulle nostre primarie - ironizza Renzi - quelli che mandano cinquanta persone a fare clic. Si lamentano delle nostre primarie con migliaia di persone. Siamo gli unici - sottolinea - ad avere il coraggio a farle. Gli altri si mettono a fondo campo e parlano".

Il leader del pentastellati riporta sul suo blog il racconto del presidente di seggio della sezione Lama e lo scettismo sulla "partecipazione cinese inaspettata" e "una serie di operazioni sospette: non capiscono e non sanno leggere l'italiano e aprono la scheda per sapere dov'è il nome". Grillo insiste sulle voci di "alcuni cinesi che hanno aspettato indicazioni per votare", altri che "hanno fatto riferimento alla traduttrice" e altri ancora che "giravano per la sezione chiedendo ingenuamente ai rappresentanti ai seggi per chi avrebbero dovuto esprimere la preferenza".

Altri, dice anche, "volevano entrare per accompagnare l'amico e insegnargli come votare". "Il candidato sindaco Pd a Milano - conclude Grillo - non sarà scelto dai milanesi o dai militanti Pd (esistono ancora?) ma da cinesi che sanno a malapena parlare l'italiano". 

Ironica anche la replica di Pietro Bussolati, segretario cittadino del Pd: "Effettivamente, gli stranieri che hanno votato sono di più delle finte votazioni che hanno scelto Patrizia Bedori come candidata del Movimento 5 Stelle". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie, scoppia il caso sugli elettori "cinesi". Grillo: "Voto taroccato"

MilanoToday è in caricamento