Elezioni comunali 2016

Municipi, niente ballottaggi: cinque su nove conquistati dal centrodestra

Si partiva da nove a zero per il centrosinistra, che comunque "tiene" il centro storico

Samuele Piscina (foto Alessandro Ferrari Manzoni)

Se la partita tra Sala e Parisi si gioca su margini estremamente risicati e verrà decisa al secondo turno, è invece già chiaro il risultato nei nove Municipi (ex Zone), in cui da una parte il distacco tra centrodestra e centrosinistra è più sostanzioso, dall'altra si viene eletti al primo turno se si supera il 40% più un voto e, dunque, in nessun Municipio si andrà al ballottaggio.

La notizia è che il centrodestra ne riconquista cinque, mentre nel 2011 le vecchie Zone erano andate tutte al centrosinistra. 

Municipio 1. Con due sezioni da scrutinare, si conferma presidente Fabio Arrigoni del Partito democratico. Dunque il centrosinistra mantiene lo "scettro" del centro storico, con il 45,17% dei consensi. Filippo Jarach del centrodestra si ferma al 41,32%. Molto basso rispetto alla media cittadina il Movimento 5 Stelle con Giuseppe Ventura (6,07%), mentre potrebbe entrare in consiglio municipale anche Francesco Spadaro dei Radicali (3,04%).

Municipio 2. Vince Samuele Piscina (leghista, centrodestra) con il 43,43% contro Alberto Ciullini (Sel, centrosinistra) che si ferma al 38,4%). Entra sicuramente in consiglio il M5s che candidava Milena Salandra (sopra l'11%), potrebbe farcela anche la candidata di Milano in Comune Edda Pando mentre Yuri Guaiana (Radicali e Alternativa Municipale) si ferma al 2,05%.

Municipio 3. A Porta Venezia, Lambrate e Città Studi vince Caterina Antola (Pd, centrosinistra) con oltre il 43%, contro il 38% di Vincenzo Viola (Fdi, centrodestra). Entrano in consiglio i 5 Stelle con meno del 10% e, forse, Sabrina Giancola di Milano in Comune.

Municipio 4. Il testa a testa sul filo di lana se lo aggiudica Paolo Bassi (centrodestra), che batte Loredana Bigatti (centrosinistra) per poche centinaia di voti. 

Municipio 5 . La contesa va ad Alessandro Bramati ( centrodestra ) che supera Enea Moscon (centrosinistra) con il 41,0% rispetto al 40,73% dell'avversario.

Municipio 6. Santo Minniti (centrosinistra) batte Piermario Sarina (centrodestra) con il 41,69%. Terzi i 5 Stelle, con l'11,47% di Massimo Dall'Occo. 

Municipio 7. Netta vittoria di Marco Bestetti (centrodestra) su Lorenzo Boati (centrosinistra), che batte il rivale di quasi 3 punti percentuali. Entrano anche i 5 Stelle, con l'11,35% di Daniele Beretta.

Municipio 8. Vince l'uscente Simone Zambelli (centrosinistra), che solo nel Municipio 8 era appoggiato anche dai Radicali: ottiene il 42,57% dei consensi quando manca soltanto una sezione. Sconfitto l'ex consigliere comunale leghista Igor Iezzi, poco sopra il 40%. Alberto Arosio (5 Stelle) è sopra l'11% e Alessandro Bescapé (Milano in Comune) ottiene il 3,42%.

Municipio 9. Giuseppe Lardieri (centrodestra) strappa il Municipio al centrosinstra che candidava Stefano Indovino, staccato di due punti percentuali dal rivale. Superiori alla media i risultati del Movimento 5 Stelle e di Milano in Comune.

I RISULTATI DI TUTTI I COMUNI MILANESI AL VOTO 

BUSCATE                
CAMBIAGO        
CARUGATE         
CASSANO D'ADDA             
CASSINETTA DI LUGAGNANO         
CERRO AL LAMBRO             
CORBETTA
         
DAIRAGO             
INZAGO             
MEDIGLIA           
NERVIANO         
PESCHIERA BORROMEO         
PESSANO CON BORNAGO    
PIOLTELLO         
POZZO D'ADDA        
RHO               
ROBECCHETTO CON INDUNO    
ROSATE            
SAN GIULIANO MILANESE    
TURBIGO             
VILLA CORTESE         
VITTUONE         


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Municipi, niente ballottaggi: cinque su nove conquistati dal centrodestra

MilanoToday è in caricamento