menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maurizio Lupi

Maurizio Lupi

Sindaco di Milano, Lupi a Salvini: "Restiamo uniti"

L'ex ministro di Ncd si rivolge direttamente al leader della Lega per chiedere l'unità della coalizione

Ncd e Lega Nord insieme alle comunali del 2016 a Milano? Stando a quanto ha sempre detto il leader leghista Matteo Salvini, è impossibile: il veto del Carroccio nei confronti di chi condivide la politica del governo Renzi è stringente.Tuttavia le altre forze politiche milanesi di centrodestra cercano, invece, di agglomerare quante più sigle possibili, con l'obiettivo di battere la sinistra. Ora è sceso in campo direttamente Maurizio Lupi, "pezzo da 90" di Ncd, per cercare di convincere Salvini - attraverso un'intervista al Corriere - a cambiare idea.

Lupi è attualmente capogruppo alla camera per Area Popolare, ed è stato ministro delle infrastrutture nel governo Renzi. Ma, prima ancora, è stato assessore all'urbanistica del comune di Milano ed è sempre stato un "papabile" candidato a sindaco per il centrodestra. Anche se, recentemente, aveva fatto sapere di non essere interessato. "La linea nazionale di Salvini è diversa dalla nostra", ha puntualizzato Lupi nell'intervista, "e proprio per questo bisogna ripartire dai contenuti. Fino a fine settembre ragioniamo sui temi della campagna elettorale, e poi, se come auspico si trova l'accordo, si ragiona sui nomi dei candidati".

Prima i temi, quindi, poi i nomi. Una linea che trova sostanzialmente d'accordo tutti i partiti di centrodestra, almeno a parole. Anche se il tavolo programmatico (tra Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia) si è riunito soltanto una volta a febbraio, poi basta. Ma quai i temi per Lupi? Sicurezza (che "non vuol dire soltanto immigrazione e rom, ma anche occuparsi delle fasce deboli, delle periferie, delle occupazioni delle case popolari") e il futuro delle aree di Expo.

Sui nomi, Lupi non sfugge alla "tentazione". Parla bene di Corrado Passera e Claudio De Albertis, che hanno già dato la loro disponibilità a candidarsi. Ma avverte: "Chiunque sia, deve poter mettere insieme tutti". Mentre "boccia" i nomi recentemente indicati dalla coordinatrice di Forza Italia Mariastella Gelmini, ovvero l'ex assessore Paolo Del Debbio, il giornalista Vittorio Feltri e il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli: ma li boccia solo perché tutt'e tre hanno sempre fatto capire di non essere interessati alla partita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento