rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
"Lombardia non è la Calabria"

La gaffe di Majorino sulla Calabria

Il candidato governatore in tv: "La Lombardia non è la Calabria". L'ira del governatore Occhiuto: "È proprio un cretino". Poi arrivano le scuse

Gaffe sulla Calabria di Pierfrancesco Majorino, che poi si è scusato ammettendo di avere sbagliato e giurando di non aver voluto offendere nesuno. Ospite, mercoledì mattina, in una trasmissione su Telelombardia, il candidato governatore della Lombardia per il centrosinistra e il Movimento 5 Stelle, rispondendo a una domanda su Lombardia Film Commission, ha dichiarato che "Regione Lombardia non è la Calabria, è una Regione che ha grandi potenzialità, un sacco di gente che si dà da fare. Ha tante persone impegnate sul territorio in progetti sociali e culturali".

Parole che hanno fatto il giro della penisola, arrivando direttamente a Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, il quale non ci è andato tenero con il commento: "È candidato in Regione Lombardia, ma soprattutto è un cretino, perché non sa che anche la Calabria, come la Lombardia, ha tante opportunità e ha tante persone che vanno a lavorare e meritano rispetto. Lui non lo sa perché è proprio un cretino. Per cui, Majorino, come dicono i miei amici lombardi, lascia stare la politica e va a lavurà".

La polemica non poteva non scoppiare. Mentre tutto il centrodestra lombardo (e non solo) ha attaccato Majorino, lui si è scusato. "Ho sbagliato, quindi chiedo scusa. Amici calabresi, non intendevo assolutamente offendere", ha detto in un videomessaggio parlando di "un'espressione che mi è uscita un po' infelice. È sembrato quasi, ma perché l'ho detto male io, che mi riferissi ai cittadini calabresi, alla loro voglia di fare e ai loro talenti. Amici calabresi, scusatemi, non intendevo assolutamente offendere la vostra creatività e forza. Anzi, credo che Lombardia e Calabria debbano collaborare ancora di più".

“Pierfrancesco Majorino è un signore e ha chiesto scusa ai calabresi per un’espressione che poteva essere malintesa - ha commentato afferma Fabio Pizzul, capogruppo uscente del Pd in Consiglio regionale -. Ma gli attacchi che Fratelli d’Italia e Forza Italia gli stanno lanciando sono strumentali. Dire che Majorino sarebbe razzista è una sciocchezza che si commenta da sola". "Lombardia e Calabria hanno dimensioni, storia e tessuto socioeconomico ben diversi, e i primi a poterlo testimoniare sono i tanti calabresi che vivono qui e che sono parte integrante della società lombarda - ha proseguito Pizzul -. Non siamo certamente noi quelli della secessione, del disprezzo dell’Italia unita, degli attacchi alle Regioni del Sud. E non sarà una polemichetta fatta su un’espressione mal compresa e strumentalizzata a cambiare la realtà dei fatti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La gaffe di Majorino sulla Calabria

MilanoToday è in caricamento