Venerdì, 24 Settembre 2021
Elezioni regionali 2018

Elezioni del 4 marzo 2018: i nuovi consiglieri regionali della Lombardia

Chi sono gli eletti e come è composto il nuovo consiglio comunale

Attilio Fontana è il nuovo presidente della Regione Lombardia. L'esponente della Lega, sindaco di Varese per dieci anni, è stato eletto con il 49,74% dei consensi contro il 29,09% di Giorgio Gori, candidato del centrosinistra, e il 17,36% di Dario Violi del Movimento 5 Stelle.

A livello di liste si possono evidenziare i risultati non straordinari delle liste civiche con i nomi dei presidenti. La lista Fontana Presidente ha conquistato l'1,46% dei consensi, sensibilmente meno dell'omologa lista Maroni Presidente nel 2013; e la lista Gori Presidente il 3,03%. Entrambe comunque riescono ad eleggere consiglieri regionali.

Fontana batte Gori: la mappa del voto

La Lega risulta ora nettamente il primo partito in Regione, con quasi il 30% dei consensi: il doppio di Forza Italia. Netta sconfitta, nel centrodestra, per Energie per la Lombardia, la lista di Stefano Parisi, che raccoglie lo 0,53% dei voti. Il Movimento 5 Stelle si attesta su oltre il 17%, come il suo candidato presidente. Nel centrosinistra, Insieme e Civica Popolare replicano lo scarso risultato delle elezioni politiche (concomitanti), stando sotto l'1%. Marginale (0,38%) è anche Lombardia Progressista, la lista dell'area di Giuliano Pisapia, non presente alle politiche. Meglio +Europa, con poco più del 2%.

Le prime parole di Fontana da presidente della Lombardia

Fuori dagli schieramenti principali, delusione in casa Liberi e Uguali con il candidato presidente Onorio Rosati fermo all'1,93% e la lista al 2,12%. Mancano 3 mila voti a Rosati, che evidentemente sono andati a Gori con il voto disgiunto. LeU resta comunque fuori dal consiglio. Angela De Rosa (CasaPound), Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia) e Giulio Arrighini (Grande Nord) sono sotto l'1%.

I seggi in Regione: chi sono gli eletti

Una prima ripartizione di seggi parla di 28 consiglieri per la Lega Nord, 14 per Forza Italia, 4 per Fratelli d'Italia, 1 per la Lista Fontana e 1 per Noi per l'Italia, nel centrodestra; nel centrosinistra, il Pd dovrebbe conquistare 16 seggi. 2 seggi per la Lista Gori, 1 per +Europa con Emma Bonino. Al Movimento 5 Stelle, infine, 11 seggi. 

Nella circoscrizione di Milano e provincia, il più votato è l'assessore uscente al welfare Giulio Gallera di Forza Italia, con oltre 11.700 preferenze; circa 11.300, nella stessa lista, sono quelle di Silvia Sardone, consigliera comunale in carica. Poi, con 8 mila preferenze, Gianluca Comazzi e, con poco più di 6 mila, Fabio Altitonante. Si ferma a 5 mila il sindaco di Paderno Dugnano Marco Alparone.

In casa Lega, a Milano città Gianmarco Senna prende più voti di tutti, ma fanno bene Riccardo Pase (che proviene da Senago) e Curzio Trezzani (sindaco di Boffalora). Terzo è Massimiliano Bastoni, consigliere comunale di Milano, quinta Silvia Scurati, vicesindaco di Corsico. Sesto è Simone Giudici, consigliere comunale di Rho. 

In Fratelli d'Italia, dopo Riccardo De Corato si piazza Franco Lucente, sindaco di Tribiano. Terza è Giuliana Soldadino, riferimento dell'ex assessore di Forza Italia in Regione Mario Mantovani. Quarto è Romano La Russa. In Noi con l'Italia "trionfo" per l'ex assessore regionale Luca Del Gobbo con oltre 6 mila preferenze. Oltre 5 mila per Deborah Giovanati, trentenne assessore del Municipio 9 di Milano, ciellina di estrazione. La lista Fontana Presidente vede Pietro Marrapodi superare l'assessore allo sport uscente Antonio Rossi. Difficile, infine, per Energie per la Lombardia e Pensionati "staccare" il posto da consigliere regionale.

Nel Movimento 5 Stelle, a Milano, il "recordman" di voti è Massimo De Rosa, parlamentare uscente; poi Monica Forte, militante di Abbiategrasso, e il consigliere di Pieve Emanuele Gregorio Mammì. 

Nel Pd, Pietro Bussolati (segretario metropolitano) prende oltre 8 mila preferenze, poi i consiglieri uscenti Carlo Borghetti e Fabio Pizzul, quarta Carmela Rozza (ex assessore a Palazzo Marino) e quinta Paola Bocci (consigliera comunale di Milano). La lista Gori Presidente vede il successo di un'altra consigliera comunale di Milano, Elisabetta Strada, con più di 2 mila voti, e del dirigente Acli Giambattista Armelloni. in +Europa con Emma Bonino, infine, prevale il medico della Mangiagalli Michele Usuelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni del 4 marzo 2018: i nuovi consiglieri regionali della Lombardia

MilanoToday è in caricamento