menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La cerimonia del 2 novembre (foto Comune Milano)

La cerimonia del 2 novembre (foto Comune Milano)

Da Abbado a Carlo Castellaneta: i nuovi iscritti al Famedio 2014

Insieme a loro altri undici importanti personaggi della città sono stati iscritti nel Pantheon milanese. "Ricordare chi ci ha lasciato non è guardare indietro. È grazie all’esperienza di donne e uomini che ci hanno lasciato un segno ieri – ha affermato il sindaco Giuliano Pisapia - che possiamo affrontare le sfide difficili di oggi e del domani"

Da Ognissanti 2014 anche Claudio Abbado, Carlo Castellaneta e Guido Martinotti sono tra i grandi nomi presenti nel Famedio del Cimitero Monumentale.

Insieme a loro altri undici importanti personaggi della città sono stati iscritti nel Pantheon milanese: Carlo Bergonzi (tenore), Rino Bindi (imprenditore), Ada Burrone (fondatrice dell'associazione 'Attivecomeprima'), Roberto Cerati (presidente della Casa Editrice Einaudi), Vittorino Colombo (statista e Presidente del Senato), Gerardo D'Ambrosio (magistrato e Procuratore capo a Milano), Luciano Erba (poeta), Fabio Guzzini (medico), monsignor Luciano Migliavacca (direttore della Cappella Musicale del Duomo), Giuseppina Re (parlamentare - esponente della Resistenza), Piero Sensi (professore e ingegnere chimico).

Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco Giuliano Pisapia e il presidente del Consiglio Basilio Rizzo. “Ricordare chi ci ha lasciato non è guardare indietro. È grazie all’esperienza di donne e uomini che ci hanno lasciato un segno ieri – ha affermato il Sindaco Giuliano Pisapia - che possiamo affrontare le sfide difficili di oggi e del domani. Persone che con la loro vita e le loro opere, hanno dimostrato che nella nostra città, nel nostro Paese ci sono le forze, le energie, le idee per superare le difficoltà che stiamo attraversando, lasciandocele finalmente alle spalle. Il Famedio è sorto per custodire e trasmettere la memoria di una Milano conosciuta e amata nel mondo grazie al genio dei suoi cittadini e alla loro capacità di creare, di innovare, di esprimere bellezza e impegno civile a vantaggio dell’intera comunità. Si tratta di un patrimonio straordinario di valori, di positività, di fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità di cui abbiamo bisogno più che mai”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Il calcolatore che stima quando sarà il tuo turno per il vaccino anti-covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento