menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polemiche sul disegno di legge sulle unioni civili

Polemiche sul disegno di legge sulle unioni civili

Famiglia e gay, Lega a Ncd: "Se passano unioni civili, addio alleanza"

Al convegno sulla famiglia al Pirellone, Romeo (Lega) propone il numero verde "Sos famiglia" contro la "propaganda gender" nelle scuole

Si è tenuto regolarmente il convegno "Nutrire la famiglia", organizzato dalla regione Lombardia al Pirellone, con misure di sicurezza particolarmente elevate per evitare manifestazioni di associazioni Lgbt. L'evento, ufficialmente per presunte "ragioni di sicurezza" non meglio specificate, è stato però chiuso ai giornalisti, che hanno potuto seguire i discorsi da una sala interna con un collegamento video. La cosa, ovviamente, ha provocato la contrarietà di diversi colleghi, ai quali va la solidarietà di MilanoToday. 

La proposta che avrà certamente maggiore risonanza è quella di istituire un numero "Sos famiglia", direttamente da parte della regione, per consentire alle famiglie di segnalare eventuali «casi di propaganda gender nelle scuole». L'ha avanzata Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega Nord: ora bisognerà vedere se la giunta regionale deciderà effettivamente se spendere soldi pubblici per questo.

Durante il convegno sono emerse alcune "frizioni" tra Ncd e Lega Nord. E' infatti in discussione il disegno di legge nazionale sulle unioni civili, presentato dalla senatrice del Pd Monica Cirinnà, che il ministro dell'interno Angelino Alfano (leader di Ncd) ha già fatto sapere di non voler votare nella parte relativa alle adozioni, ovvero alla possibilità di adottare il figlio del partner.

La Lega Nord ha 'avvertito' l'alleato in regione: «Se dovesse passare il disegno di legge Cirinnà con i voti di Ncd, saremmo in difficoltà a proporre l'alleanza lombarda anche per le altre ammnistrazioni», ha dichiarato Romeo. Tradotto: scordatevi che la Lega si allei con Ncd a Milano e Varese, alle comunali del 2016. D'altra parte, Raffaele Cattaneo (presidente del consiglio regionale, di Ncd) ha dichiarato che, se dovesse passare il disegno di legge (compresa l'adozione del figlio del partner), Ncd abbandonerebbe il governo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento