Politica Porta Venezia / Via Palestro

Montanelli, statua imbrattata di vernice rossa e con la scritta "razzista, stupratore"

Il raid dopo le polemiche dovute alla lettera dei Sentinelli di Milano, che chiedevano la rimozione della statua

Foto ANSA/Mourad Balti Touati

E' stata imbrattata la statua dedicata a Indro Montanelli a Milano, collocata nei giardini pubblici intitolati allo stesso giornalista, in via Palestro all'angolo con piazza Cavour. Ignoti hanno versato vernice rossa sulla statua e scritto "razzista, stupratore" sulla base, in vernice nera.

Gli autori del raid vandalico hanno abbandonato sul posto quattro barattoli di vernice rossa e sacchetti di carta. Si tratta della statua al centro di molte polemiche in città dopo la lettera che i Sentinelli hanno scritto inviandola al sindaco Beppe Sala e ai consiglieri comunali per chiederne la rimozione, ricordando l'episodio del "matrimonio" con una dodicenne eritrea durante la guerra d'Etiopia negli anni '30: un episodio controverso nella biografia di uno dei "padri" del giornalismo milanese e italiano. 

Imbrattata anche nel 2019

La lettera dei Sentinelli ha scatenato moltissime reazioni in città; la politica, più o meno bipartisan, si è espressa per la non rimozione della statua (a cominciare dal sindaco), anche se non sono mancate voci favorevoli alla rimozione, come quella di Patrizia Bedori del Movimento 5 Stelle. In occasione dell'8 marzo 2019 la statua era stata imbrattata con vernice rosa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montanelli, statua imbrattata di vernice rossa e con la scritta "razzista, stupratore"

MilanoToday è in caricamento