rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Politica

Pirellone, arrivano le impronte digitali per i consiglieri regionali

Serviranno a certificare le presenze in aula. Procedura non obbligatoria

Al Pirellone arrivano le impronte digitali per i consiglieri. Serviranno a calcolare le presenze effettive e quindi a calcolare l'indennità per ogni singolo eletto, che varia a seconda proprio delle presenze in aula e nelle commissioni. L'impronta digitale di quattro dita della mano sarà rilevata attraverso una smart card collocata all'esterno dell'aula del consiglio. 

E già che ci siamo, nel microchip della smart card saranno memorizzati anche dati personali biometrici. Garantita la sicurezza e la privacy: secondo quanto si legge nel documento già approvato dall'ufficio di presidenza del consiglio regionale, i dispositivi di lettura dei badge sono interconnessi tra loro ma a "rete chiusa", senza connessione con l'esterno, pertanto i dati restano nel circuito dei dispositivi stessi.

Tuttavia, non sarà obbligatoria l'adozione delle smart card con le impronte digitali: i consiglieri che preferiranno non utilizzare questo metodo saranno dotati di un pin associato al badge, da digitare ogni volta che entrano ed escono dall'aula consiliare. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pirellone, arrivano le impronte digitali per i consiglieri regionali

MilanoToday è in caricamento