rotate-mobile
Politica

"Sistema Sesto", altri 6 indagati: illeciti per 400mila euro

6 persone indagate per finanziamento illecito ai partiti: avrebbero dato soldi dalla fondazione dell'ex presidente provinciali per avere facilitazioni finanziarie

Ci sono 6 nuovi indagati, tra cui il banchiere Massimo Ponzellini, nell'inchiesta della Procura di Monza sul cosiddetto 'sistema Sesto', che vede l'ex esponente del Pd Filippo Penati accusato di corruzione, concussione e finanziamento illecito ai partiti.

Sul registro degli indagati sono finiti, oltre a Ponzellini, ex presidente di Bpm, Enrico Corali, presidente della Banca di Legnano, due imprenditori, Enrico Intini e Roberto De Santis, e poi ancora Piero Rossi, presidente della Fondazione 'Fare Metropoli', e Carlo Sergio Parma. Sono tutti accusati di finanziamento illecito ai partiti per soldi che sarebbero stati versati e poi gestiti dalla fondazione creata da Penati. Gli accertamenti riguardano una cifra che sfiora i 400 mila euro.

Presidenza Consiglio Lombardia "decimata" © Tm News/Infophoto

"Già durante il mio interrogatorio dell'8 ottobre scorso ho fornito ai pubblici ministeri tutti gli elementi utili a chiarire l'attività dell'associazione Fare metropoli, il cui contributo a sostegno delle iniziative politiche della campagna elettorale delle provinciali 2009 è a tutti noto ed è avvenuto regolarmente".

Così Filippo Penati commenta le anticipazioni di Repubblica sui sei nuovi indagati nell'inchiesta della Procura di Monza.

"I contributi per le campagne elettorali a cui ho partecipato - aggiunge - sono sempre stati ricevuti e contabilizzati regolarmente dai diversi comitati elettorali, mentre le spese relative sono state puntualmente documentate nei rendiconti depositati presso la Corte d'Appello così come prevede la legge".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sistema Sesto", altri 6 indagati: illeciti per 400mila euro

MilanoToday è in caricamento