Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Copertura infortuni sul lavoro "anche per chi va in bici"

Passa in consiglio comunale una mozione di Anna Scavuzzo per chiedere l'estensione della copertura sul percorso casa-lavoro per chi va in bicicletta, senza provare la necessità di usarla. Contraria la Lega

Consiglio comunale (seduta del 29 marzo 2012)

Mentre a livello nazionale è in corso un dibattito serrato sulla riforma del lavoro (contratti, art. 18 e così via), anche il consiglio comunale di Milano si occupa di questo tema, ma in chiave "ecologica".

Lo fa chiedendo al parlamento di estendere a chi si sposta in bicicletta la copertura Inail sugli infortuni sul lavoro. La normativa attuale, che risale al 2000, prevede la copertura per gli spostamenti casa-lavoro per chi va a piedi o con i mezzi pubblici, e anche per chi usa il mezzo privato ma solo dimostrando la necessità. Anna Scavuzzo (Milano Civica x Pisapia) ha proposto una mozione che, considerando "l'azione meritevole" di chi sceglie la bicicletta al posto dell'auto, solleciti il parlamento a modificare la norma.

Se il parlamento accoglierà la proposta, chi si sposta in bicicletta non dovrà più provare la necessità per essere coperto dall'assicurazione. La mozione è stata approvata con 27 voti a favore, bipartisan. Unica eccezione i due consiglieri della Lega Nord: uno ha votato contro, l'altro si è astenuto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Copertura infortuni sul lavoro "anche per chi va in bici"

MilanoToday è in caricamento