Politica Affori / Via Carlo Bellerio

Bufera sulla Lega: Umberto Bossi indagato coi figli

Si ipotizza truffa ai danni dello Stato per il "senatur", appropriazione indebita per i figli e peculato per il senatore Stiffoni

Bossi col figlio Renzo: sono stati indagati dai pm di Milano

Il leader della Lega Umberto Bossi è indagato dalla procura di Milano nell'ambito dell'inchiesta sui fondi del partito. Insieme a lui risultano sotto indagine anche i figli Renzo e Riccardo. Al vaglio dei magistrati anche la posizione della moglie, Manuela Marrone, e di Rosi Mauro, vicepresidente del Senato. A loro carico, però, non risultano vi siano indagini. 

L'accusa per il "senatur" è truffa ai danni dello Stato, in concorso con Francesco Belsito, ex tesoriere del movimento. Secondo gli inquirenti, tutto è incentrato su un rendiconto infedele circa i rimborsi elettorali, presentato nell'agosto 2011 per ottenere quelli relativi al 2010: si parla di circa 18 milioni di euro. Ma anche dichiarazioni rese dallo stesso Belsito e da Nadia Dagrada, la responsabile amministrativa del partito.

In particolare, la Dagrada avrebbe riferito ai magistrati che "Umberto Bossi firmava i rendiconti". Bossi è infatti indagati in quanto legale rappresentante del partito, mentre non c'è contestazione che riguardi presunte spese personali.

Invece i figli Renzo e Riccardo sono indagati per appropriazione indebita in relazione alle loro spese: secondo i pm, sarebbero state pagate con fondi elettorali del partito. Di questa accusa Renzo e Riccardo Bossi rispondono in concorso con Belsito. Si parla di una sorta di "paghetta" da 5mila euro al mese. 

E indagato è anche il senatore Piergiorgio Stiffoni. A lui viene contestato il reato di peculato: il sospetto è che abbia usato i fondi destinati al Senato a fini personali

Le prime reazioni del leghisti sono di "cautela". L'europarlamentare Matteo Salvini parla di "un attacco alla Lega". 

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera sulla Lega: Umberto Bossi indagato coi figli

MilanoToday è in caricamento