rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Politica

"Vogliamo la Lombardia indipendente, come uno Stato europeo"

Nasce "Pro Lombardia Indipendenza": "Siamo schiavi fiscali, dobbiamo uscirne"

Lombardia indipendente, come "Stato europeo". Questo viene scritto dal movimento "Pro Lombardia Indipendenza" che sta promuovendo la causa.

"Siamo un movimento politico che propone la nascita di una Lombardia indipendente nel cuore dell'Europa, una Lombardia moderna e federata al suo interno, in linea con la sua secolare tradizione comunale", viene scritto in una nota di Dario Pederzani.

"Infatti la Lombardia è una delle regioni più industrializzate d'Europa ma subisce da parte dello Stato Italiano una vera e propria spoliazione fiscale, dimostrata dai dati sul residuo fiscale (la differenza tra le tasse pagate e ciò che lo stato restituisce sotto forma di servizi, prestazioni e investimenti) : il residuo fiscale lombardo nel 2012 è stato di 56 miliardi di euro, vale a dire che ogni cittadino lombardo (compresi neonati e bambini) ha vantato un credito verso lo Stato di 5.600 euro annui", prosegue il movimento.

"Uno Stato Lombardo indipendente, non solo metterebbe fine al nostro status di schiavi fiscali, ma ci consentirebbe finalmente di decidere sul nostro futuro: nel mondo odierno i paesi che funzionano meglio e dove è riscontrata una migliore qualità della vita sono quelli di piccole dimensioni; una minore popolazione rende più semplice l'attuazione della democrazia diretta che, attraverso la partecipazione diretta dei cittadini alla gestione della cosa pubblica, garantisce una gestione più equa, responsabile e trasparente delle risorse pubbliche, con un senso civico che trova un terreno fertile per espandersi e radicarsi (come nella vicina Confederazione Svizzera)", continua il responsabile.

"Molti popoli in Europa stanno percorrendo la stessa strada - conclude la nota -, Bretagna, Corsica, Süd-Tirol, Fiandre, Paesi Baschi, ma soprattutto Scozia e Catalunya dove è già stato indetto un referendum per l'indipendenza rispettivamente dal Regno Unito (18 settembre 2014) e dallo Stato spagnolo (9 novembre 2014). In conclusione, è palese che le alternative che i cittadini lombardi possono scegliere sono soltanto due: continuare a far parte dello Stato italiano e foraggiare a fondo perduto la sua corruzione e clientelismo a discapito della nostra società; scegliere la via democratica e pacifica dell'indipendenza, come molte altre realtà europee stanno facendo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vogliamo la Lombardia indipendente, come uno Stato europeo"

MilanoToday è in caricamento