Rimpasto in Regione, Letizia Moratti possibile sostituta dell'assessore Gallera

Per l'ex sindaca di Milano starebbe spingendo Silvio Berlusconi anche nel tentativo di riprendere le fila del centro destra

L'unica donna ad aver ricoperto il ruolo di sindaco a Milano potrebbe andare a sostituire Giulio Gallera come assessore regionale al Welfare dopo il rimpasto della giunta lombarda.

Le indiscrezioni, riferite da Radiolombardia, citano la politica e manager "tra i possibili nomi per il post Gallera". Il nome della Moratti "figurerebbe con sempre maggior insistenza" e a spingere per la sua nomina sarebbe l'ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi. 

"Potrebbe essere questo un modo - continuano i rumors - per Berlusconi di riprendere le fila e potersi accreditare ancora una volta come guida imprescindibile della coalizione di centro destra".

Nella mattinata di martedì 5 gennaio il leader della Lega Matteo Salvini, a margine della sua visita all'ospedale in Fiera Milano, sulla possibile nomina della Moratti ad assessore regionale al Welfare, non si è però sbilanciato, dicendo “non do nomi, cognomi e indirizzi se pazientate qualche ora, qualche giorno, avrete le risposte”.

"Letizia Moratti dovrebbe essere la sostituta di Gallera, grazie all'intervento di Salvini. Con Fontana e compagnia che restano tutti lì, al loro posto - ha commentato sui social l'eurodeputato del Pd Pierfrancesco Majorino -. Francamente, lo dico con rispetto, abbiamo bisogno di ben altro. La sanità lombarda, fortissima per anni, è in enorme difficoltà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento