rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Politica

Anche gli evangelici contro la legge regionale "anti Moschee"

La legge che la regione si appresta ad approvare contiene, secondo la Conferenza evangelica nazionale, un "blocco totale" di nuovi luoghi di culto

Vòlta a prevenire sul nascere, con numerosi paletti, la costruzione di Moschee, la legge regionale in procinto di approvazione non piace nemmeno agli evangelici. "Di fatto blocca la costruzione di ogni luogo di culto nuovo, ma anche la conversione di edifici esistenti in luoghi di culto in Lombardia", è la netta presa di posizione del pastore Riccardo Tocco della Coen, Conferenza evangelica nazionale. "La commissione diritti umani dell'Onu ha inviato tre raccomandazioni contro l'Italia sulla libertà religiosa e una di queste riguarda proprio la legislazione lombarda", afferma Tocco.

Il pastore ricorda che "i comuni devono - non possono - destinare l'8% delle somme degli oneri di urbanizzazione secondaria proprio per la realizzazione dei luoghi di culto. E inoltre verrebbe conferita ai comuni una discrezionalità in materia sanitaria, ordine pubblico, sicurezza, morale pubblica che esulano dai compiti propri degli organi locali".

"Questo atteggiamento, perseguito da anni dalla regione Lombardia, presenta le caratteristiche di una linea di gravissima limitazione della libertà religiosa", continua Tocco: "la Lombardia, qualora assuma questo provvedimento, dimostra nuovamente la sua opposizione verso le confessioni non concordatarie e che non hanno le intese, in dispregio degli art. 3 e 8 della Costituzione, frapponendo ostacoli - invece di rimuoverli - che limitano l'esercizio delle libertà, tra cui proprio quella religiosa, e il pieno sviluppo della persona umana".

I "PALETTI" - Numerosi, come detto, i "paletti" per i nuovi luoghi di culto. Presenza "consistente" a livello nazionale e "significativo insediamento" a livello comunale (chi li giudica?). Convenzione urbanistica specifica col comune (discrezionalità dell'ente). Nuovi edifici dotati di impianto di videosorveglianza e ampi parcheggi. Le organizzazioni religiose devono avere un'intesa con lo Stato. Infine, l'edificio deve rispettare il "paesaggio lombardo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche gli evangelici contro la legge regionale "anti Moschee"

MilanoToday è in caricamento