Raccolta firme contro Area C, c'è anche la Moratti: "E' una beffa"

L'ex sindaco di Milano - che a suo tempo aveva introdotto Ecopass - si schiera con i suoi (ex?) compagni del Pdl: "Provvedimento iniquo, noi ci eravamo impegnati a non aumentare le tasse"

Torna a Milano più agguerrita di prima Letizia Moratti, e lo fa spalla a spalla con i colleghi del Pdl, e non con quelli - paventati, ma non ancora ufficiali - del suo prossimo partito, Futuro e Libertà. Dopo le polemiche con De Corato e altri esponenti del centrodestra per il suo presunto passaggio tra le file della squadra di Fini, l'ex sindaco di Milano torna a spalleggiare il Pdl nella lotta alla congestion charge, o "Area C", che da gennaio sarà introdotta dall'amministrazione Pisapia.

Comincia infatti la raccolta firme del Popolo della Libertà per combattere il provvedimento anti-inquinamento che obbligherà i cittadini a pagare 5 euro ad ingresso - escluse le deroghe - nell'area dei Bastioni. Una soluzione che non piace nemmeno alla Moratti, che a suo tempo aveva lanciato Ecopass: "Anch'io contribuirò alla raccolta di firme per fermare questo inutile e scellerato provvedimento, un nuovo capitolo del 'Piano Generale delle Tasse' messo in atto da Pisapia". Chiaro il riferimento al Piano di Governo del Territorio (Pgt) della nuova giunta, secondo la Moratti gravoso per i cittadini.

E l'ex sindaco va in affondo ricordando che "in campagna elettorale avevo preso un impegno con i milanesi: non aumentare le tasse, né introdurre nuovi balzelli". Al contrario di quanto starebbe facendo Pisapia: "Area C è un provvedimento assolutamente iniquo, i cui proventi non si capisce a cosa verranno destinati", afferma la Moratti. Perciò "va fermato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La candidata uscita sconfitta dalle ultime elezioni comunali si schiera così dalla parte di chi non vuole Area C, soprattutto "i residenti del centro, che, grazie a Pisapia, da gennaio dovranno pagare dazio per rientrare a casa. I blocchi e le limitazioni del traffico, gli interventi emergenziali - conclude la Moratti nella sua nota - non servono se mancano misure strutturali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento