Moratti, l’aria di Milano? Migliore adesso che in passato

Dopo la querelle in consiglio di ieri e le polemiche sui livelli di PM10 a Milano, il sindaco Letizia Moratti difende il suo operato con un lettera al Corriere della Sera

Dopo la querelle di ieri in consiglio comunale sui livelli di Pm10 e l’avviso di garanzia per questioni riguardanti l’ambiente, il sindaco di Milano Letizia Moratti è passata al contrattacco con una lettera aperta sul Corriere della Sera di questa mattina.

Il primo cittadino parte subito con i dati: “Questo mese sono 18 i giorni di superamento della soglia di inquinamento contro i 20 del 2009. Nei primi 25 giorni di quest'anno la media delle concentrazioni di Pm10 è più bassa rispetto al 2009: (68 microgrammi al metro cubo contro 83 microgrammi al metro cubo)”.

La battaglia contro le polveri sottili, per la Moratti si fa attraverso il potenziamento dei mezzi pubblico combinato con la disincentivazione del trasporto privato e l’azione sulle fonti energetiche.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, si legge nella lettera: “Le linee sono cresciute da 110 a 124 anche grazie all'introduzione di 250 nuovi mezzi a basso impatto ambientale. Questo si traduce in 1.000 corse in più al giorno a disposizione dei milanesi con il 10 per cento di posti in più nelle ore di punta. Il Comune dopo 20 anni è tornato a investire nella crescita della metropolitana e nei prossimi anni sono 3,5 i miliardi dedicati alla creazione di due nuove linee (la M4 e la M5) e allo sviluppo di quelle esistenti grazie all'intervento del governo”.

Sempre in tema di mobilità, il primo cittadino ha ricordato l’introduzione di Ecopass nel 2007, proprio per disincentivare l’utilizzo di mezzi privati altamente inquinanti. Il ticket infatti, presuppone il pagamento di una tariffa prestabilita per l’ingresso nel centro cittadino, a meno che il proprio veicolo non sia Euro 4 o 5.

In tema di fonti energetiche, il sindaco sottolinea l’impegno della pubblica amministrazione per il teleriscaldamento: “Il Piano prevede entro il 2015 lo sviluppo di una rete di 240 chilometri per un totale di circa 730 mila abitanti serviti. Un servizio che oggi serve oltre 228 mila milanesi”.

Il Risultato? Un’inversione di tendenza dei livelli di inquinamento: "oltre alla riduzione del Pm10, dal 2005 ad oggi ha registrato l'abbattimento del 4,3% delle emissioni di CO2. E' questa la strada sulla quale si muove la Milano del futuro. Ma già oggi la lotta allo smog e la tutela della salute dei cittadini sono la nostra priorità”
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Milano, "blitz" del maltempo: attesi temporali forti, scatta l'allerta della protezione civile

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Milano, ragazza molestata fuori dall'ospedale: un 23enne arrestato per violenza sessuale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento