Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Luciano Bresciani (Lega), ex assessore regionale alla sanità, è indagato

La notizia data dal pm durante il processo a carico dell'ex consigliere regionale Massimo Luca Guarischi (Pdl)

Luciano Bresciani

Luciano Bresciani, già assessore regionale alla sanità, è indagato nell'ambito dell'inchiesta che nel 2013 aveva portato all'arresto di Massimo Guarischi, ex consigliere del Pdl. Ed è proprio durante il processo a carico di Guarischi che il pm Claudio Gittardi ha comunicato l'iscrizione di Bresciani nel registro degli indagati. Bresciani è stato assessore (in quota Lega Nord) dal 2007 al 2012. Di professione è cardiochirurgo.

Si trovava in aula per testimoniare al processo ma, quando è stato chiamato al banco, il pm ha fatto presente che l'ex assessore è stato iscritto nel registro degli indagati e poteva avvalersi della facoltà di non rispondere. L'ex assessore ha scoperto dell'indagine a suo carico in quel momento e, colto impreparato, si è avvalso di quella facoltà. "Avrebbero dovuto avvisarmi", ha poi commentato nei corridoi di Palazzo di Giustizia.

L'INCHIESTA - Secondo l'accusa, un'impresa fornitrice di apparecchiature mediche avrebbe versato tangenti. L'ex consigliere Guarischi avrebbe esercitato pressioni per favorire l'azienda e poi avrebbe pagato una serie di viaggi a cui avrebbe partecipato anche Roberto Formigoni, ex presidente della regione.

"SONO SERENO" - Bresciani ha dichiarato di essere sereno. L'ex assessore ha sottolineato che si occupava solo di indirizzi politici: "Scrivevamo le regole del sistema, facevamo delibere sui fondi a rotazione. Davamo agli ospedali un fondo con cui loro compravano le apparecchiature, ma non ci occupavamo degli atti esecutivi, che erano dei direttori generali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luciano Bresciani (Lega), ex assessore regionale alla sanità, è indagato

MilanoToday è in caricamento