rotate-mobile
Politica Duomo / Piazza del Duomo

Majorino lancia la grande manifestazione per l'accoglienza dei migranti, scoppia la polemica

Il centrodestra attacca. L'assessore regionale Bordonali (Sicurezza): "Ottima idea radunarli, così li rispediamo nei loro paesi"

L'assessore al Welfare Pierfrancesco Majorino nelle scorse ore ha lanciato una grande manifestazione per l'accoglienza, sulla scorta di quello che è accaduto a Barcellona, il 20 maggio 2017. 

L'idea, proposta sulle pagine di un quotidiano nazionale, è quella di invitare le associazioni di volontari, consolati e comunità straniere per una giornata di solidarietà a tutti i rifugiati del mondo, sotto l'ala del Comune di Milano, una delle città in prima linea per la gestione dei flussi migratori. E il giorno, in pieno maggio, non è casuale: è infatti il periodo dove, storicamente, più richiedenti asilo arrivano in Stazione Centrale. Oltre 120mila profughi in tre anni sono passati da Milano.

La proposta ha suscitato immediatamente lo scherno e la derisione del centrodestra, che attacca. "Apprendiamo con sorpresa che il Comune di Milano pensa di organizzare, per il 20 maggio prossimo, una marcia per l'accoglienza. Ennesima conferma di come sia per il governo che per l'amministrazione della citta' gli immigrati abbiano sempre la precedenza rispetto agli italiani. Su questo non fanno mai alcuna scissione", scrive Simona Bordonali, assessore regionale alla Sicurezza. "Spero che quel giorno tanti finti profughi partecipino. Visto che saranno gia' radunati sara' un'ottima occasione per identificarli e rispedire nei Paesi di origine tutti i clandestini, come prevede la legge", aggiunge, sostenendo che la "Lombardia accoglie 23.565 richiedenti asilo" e che "secondo i dati del Viminale, solo 5 su 100 sono rifugiati e almeno 2 su 3 risulteranno clandestini", conclude.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Majorino lancia la grande manifestazione per l'accoglienza dei migranti, scoppia la polemica

MilanoToday è in caricamento