rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Politica Bicocca / Via Bicocca degli Arcimboldi

Mondiali di hockey a Minsk, bielorussi davanti alla Pirelli: «Non sponsorizzate un dittatore»

La Pirelli è uno degli sponsor dei mondiali 2021 che, Covid permettendo, si terranno a Riga e Minsk: proprio in questo periodo la federazione sta pensando di non confermare la capitale bielorussa

Sensibilizzare Pirelli, uno degli sponsor del campionato mondiale di hockey su ghiaccio del 2021 a Minsk e Riga, rispetto alla situazione che si è generata in Belarus dopo le ultime elezioni presidenziali dell'agosto 2020. Per questo motivo, nel rispetto delle rigide misure di contenimento per l'epidemia Covid, venerdì pomeriggio un gruppo di cittadini bielorussi ha effettuato un presidio davanti agli uffici milanesi della multinazionale, in via Bicocca degli Arcimboldi.

Tra le scritte sui cartelli, l'invito a Pirelli a «pensare bene a chi sponsorizzi», «Belarus: il gioco o la vita?», «Stop a sponsorizzare un dittatore».

Manifestazione bielorussi davanti alla Pirelli

Il campionato mondiale, Covid permettendo, è in programma a Minsk (capitale del Belarus) e Riga (capitale della Lettonia) dal 21 maggio al 6 giugno, dopo che l'edizione 2020 (in Svizzera) è stata cancellata per l'emergenza sanitaria. Ma in questo periodo si sta decidendo se spostare una delle sedi, Minsk, data la situazione nel Paese bielorusso dopo le contestatissime elezioni presidenziali dell'agosto 2020, con detenzioni, arresti e violenze senza precedenti verso chi continua a manifestare per chiedere che vengano riconosciuti i brogli elettorali: il risultato ufficiale ha visto vincente il presidente uscente Aleksandr Lukashenko con oltre l'80% dei voti ma le evidenze (anche la grande partecipazione popolare alle proteste) rendono ben poco credibile il risultato e, nel frattempo, i principali oppositori di Lukashenko sono stati arrestati o costretti all'esilio.

I funzionari della federazione internazionale di hockey su ghiaccio sono stati di recente a Minsk e sono stati ricevuti da Lukashenko. Di qui la volontà dei bielorussi che vivono a Milano di provare ad esercitare un po' di pressione su uno degli sponsor dei mondiali, la Pirelli, da parte della quale, ad oggi, non è pervenuta alcuna reazione ufficiale. Altri sponsor, come Nivea, hanno già fatto sapere che si ritireranno nel caso in cui la sede di Minsk venisse confermata.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondiali di hockey a Minsk, bielorussi davanti alla Pirelli: «Non sponsorizzate un dittatore»

MilanoToday è in caricamento