menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pirellone, cacciatori contro la Lega: "Mantenga promesse"

Manifestazione davanti al consiglio regionale

Manifestazione di cacciatori davanti al Pirellone, sede del consiglio regionale, per protestare contro la Lega Nord, partito tradizionalmente vicino alle istanze del mondo venatorio.

I cacciatori protestano contro le presunte "promesse non mantenute". Tra i cartelli si legge: "I politici lombardi stanno uccidendo le deroghe e le nostre tradizioni". Affermazione, questa, che apparentemente stride con la battaglia leghista a favore dei richiami vivi e degli impianti di cattura, i cosiddetti "roccoli" (prima dell'estate è stata approvata la delibera relativa alla stagione di caccia del 2014). I cacciatori lamentano in proposito che gli anellini con cui vengono contrassegnati i richiami vivi "non si riescono a registrare per via telematica" e, per questo, avevano chiesto una moratoria sugli anellini stetssi.

Davanti al Pirellone è stato allestito anche un banchetto con vino e formaggio, secondo i cacciatori "per difendere le tipicità del territorio".

"La Lega ci aveva promesso la caccia in deroga ma non abbiamo ancora visto nulla", spiegano dall'Associazione cacciatori lombardi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento