menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I due marò

I due marò

Marò e pena di morte, Pisapia diserta il ricevimento per la festa dell'India

Il sindaco di Milano come il presidente della provincia di Monza Dario Allevi, ma con un comunicato neutro ("Impegni pregressi"). Evidente l'imbarazzo: i Marò rischiano la pena capitale

Il motivo ufficiale è neutro: "Impegni pregressi". Ma l'assenza di Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, al ricevimento per la giornata nazionale della Repubblica dell'India previsto per il 24 gennaio a Palazzo Clerici, pesa. La delicata situazione dei due Marò italiani, che secondo le ultimissime notizie rischiano la pena di morte in base al codice militare indiano (se verranno considerati alla stregua di terroristi) e per i quali non sono ancora stati formulati i capi d'accusa, sta creando un caso politico internazionale che si riflette inevitabilmente anche a livello locale.

Il rischio della pena di morte allarga il fronte della protesta, finora quasi esclusivamente limitato al centrodestra e a Fratelli d'Italia. E così a Dario Allevi, presidente della provincia di Monza e Brianza ed esponente di Fdi che aveva già annunciato di non partecipare al ricevimento ("Cosa dovrei festeggiare mentre i nostri ragazzi rischiano la pena di morte?"), si aggiunge ora Giuliano Pisapia, seppure con un comunicato apparentemente più neutro. E' però evidente l'imbarazzo del sindaco di Milano, esponente di sinistra e da sempre impegnato proprio nella battaglia contro la pena di morte nel mondo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento