Politica

Massari vuole le deleghe per pulire "l'aria e le strade" della città

Massari vuole delle deleghe precise per pulire “l’aria e le strade di questa città”: l’ipotesi più accredita è quella di fare un assessorato dedicato solo all’Ambiente, separato quindi sia dal Traffico che dai Trasporti. Ecopass invece, dice Massari, “resta com’è”

Il neo assessore in pectore all’Ambiente Paolo Massari ha confermato che, tra le sue priorità, ci sarà la pulizia dell’aria e delle strade di Milano: a questo proposito spera di ottenere dal sindaco Moratti delle “deleghe congrue” per poterlo fare.

“Io non sono un tecnico sono un milanese e un politico che forse si rende conto un po' di più di cosa vogliono i milanesi. Comincerò il mio lavoro dalla pulizia della città: vorrei poter dire tra un anno e mezzo che siamo riusciti a pulire Milano” ha detto Massari.

Per centrare il suo obiettivo di “pulizia”, il neo assessore ritiene che le deleghe relative all’Ambiente debbano essere tutte concentrate nelle sue mani e nel suo ufficio.

“Mi aspetto di avere deleghe congrue per questo obiettivo, perché se devo pensare all'ambiente bisogna mettere l'assessorato in condizione di lavorare, fermo restando che la Giunta è una squadra e che il lavoro è un lavoro di squadra”.

L’ipotesi più accredita è quella di fare un assessorato dedicato all’Ambiente, separato quindi sia dal Traffico che dai Trasporti.

Per quanto riguarda Ecopass invece, Massari è molto chiaro: “Ecopass resta come è e a chi mi dice che Ecopass non va bene io rispondo: 'Datemi un'alternativà. Finché non si trova una soluzione alternativa Ecopass resta la scelta migliore”.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massari vuole le deleghe per pulire "l'aria e le strade" della città

MilanoToday è in caricamento