menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Metro gialla M3 fino a Paullo, Pase (Lega): "Milano si svegli e la smetta di perdere tempo"

Parla il consigliere regionale Pase, presidente della commissione Ambiente al Pirellone

“Un ritardo che non è più accettabile. Il prolungamento della M3 fino al capolinea di Paullo, prevista nel Piano Regionale, sembra ormai una beffa ai danni dei cittadini lombardi. Il Comune di Milano dovrà fornire valide spiegazioni”. Lo ha scritto in una nota il consigliere regionale lombardo della Lega Riccardo Pase, presidente della commissione Ambiente al Pirellone, che ha presentato un’interrogazione all’assessorato regionale competente, con l’obiettivo di capire a che punto sia l’accordo di programma tra Regione, Città Metropolitana e i Comuni dell’asse, sullo studio di fattibilità per il prolungamento della linea M3 auspicata dal territorio.

A che punto è la Metro gialla M3 fino a Paullo?

“Regione Lombardia – prosegue Pase – ha sempre fatto puntualmente la sua parte. È ora che il Comune di Milano si svegli e la smetta di perdere altro tempo con fantomatiche richieste di proroghe mascherate dalla necessità di avere altri documenti. Oggi, insieme alla mia interrogazione, anche tutti i territori coinvolti presenteranno simultaneamente delle mozioni ai propri Comuni, per far sentire più forti le nostre voci nel tentativo di sbloccare il completamento di un’opera strategica che porterebbe solo vantaggi ai lombardi”.

“Potenziare il sistema di trasporto pubblico lungo la direttrice del Sud-Est Milano è un’esigenza fortemente sentita da tutti i territori che ne sono attraversati, sia a causa dell’altissimo congestionamento, causato anche dal traffico dei pendolari che si recano ogni giorno a Milano, sia per la forte presenza di inquinamento atmosferico che ne deriva. Si tratta, infatti, ad oggi, del secondo asse viario più inquinato di tutta la Lombardia dopo la Milano Meda”.

“Presto – conclude l’esponente della Lega – si spera che verranno anche sbloccate le risorse del Recovery Plan. Dobbiamo quindi essere pronti a partire subito, anche in virtù di un impegno a procedere in tal senso espresso in modo bipartisan da molti esponenti politici, senatori e deputati, al fine di recuperare dal governo le risorse necessarie. L’attuale immobilismo del Comune di Milano e del sindaco Sala, rischia invece, di compromettere seriamente questo percorso”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento