Politica Duomo / Piazza Armando Diaz, 7

Proteste antagoniste: piazzale Cadorna diventa Giuliani e a piazza Diaz messinscena di un delitto

In occasione del nono anniversario della morte di Giuliani, gruppi antagonisti hanno "riscritto" i nomi di piazzale Cadorna e messinscena davanti alle targhe del generale Dalla Chiesa in piazza Diaz

Piazza Diaz, ieri sera, si presentava così. Come un set cinematografico. Alcuni ignoti, infatti, hanno allestito una messinscena chiaramente ispirata alle commemorazioni per il nono anniversario della morte di Carlo Giuliani, il ragazzo rimasto ucciso nei disordini del G8 di Genova, nel 2001.


Macchie di vernice rossa, anche un passamontagna, un estintore, cartucce a salve e un sasso macchiato di rosso, il tutto recintato da un nastro bianco e blu che richiama la scena di un "delitto" e ha consentito che il messaggio arrivasse "intatto" ai destinatari. La messinscena è stata allestita davanti alle targhe in ricordo del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e dei carabinieri caduti.


Sempre ignoti, riconducibili secondo gli inquirenti a gruppi antagonisti, hanno cambiato la dedica sulle quattro targhe di piazzale Cadorna, intestandola a Carlo Giuliani, Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi e Gabriele Sandri. Sotto i manifesti che hanno ricoperto le targhe sono state tracciate le sagome di quattro persone con al centro la scritta 'Il prossimo potresti essere tu'.

Si tratta del secondo giorno di commemorazione - protesta: l'altro ieri sera i muri delle sedi milanesi di Pd, Pdl e Lega erano state imbrattate con scritte in ricordo di Carlo Giuliani. Il filmato della bravata è stato diffuso anche sul web.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proteste antagoniste: piazzale Cadorna diventa Giuliani e a piazza Diaz messinscena di un delitto

MilanoToday è in caricamento