menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fontana, Milano sede Tribunale europeo brevetti: "Bisogna candidarsi, non c'è più tempo"

Il monito del governatore

Il governatore regionale Attilio Fontana torna ad attaccare il governo sul dossier "Tribunale dei brevetti": Milano, infatti, dopo aver perso alla monetina con Amsterdam la sede dell'Agenzia europea del farmaco, potrebbe candidarsi per il Tribunale dei brevetti, altro importante polo decisionale comunitario, che porta prestigio e indotto.

Con la Brexit, infatti, Londra è stata estromessa da questi organismi che devono trovare un'altra sede.

"Qualche giorno fa, ho rilanciato il dibattito politico sull'inerzia del Governo che ancora non ha proposto la candidatura di Milano quale sede del Tribunale europeo dei brevetti dopo la Brexit. Dall'inizio del mio mandato la Regione ha lavorato per portare a Milano la sede del Tribunale europeo dei brevetti, lo ha fatto attraverso un dialogo costruttivo non solo con la Corte di Appello di Milano quanto con le istituzioni milanesi e le associazioni industriali e professionali lombarde - attacca il presidente Fontana -. Da almeno due anni sono state avviate interlocuzioni con il Governo Conte e mi meraviglio come mai, a due settimane dalla scadenza del termine per la candidatura di Milano, l'inerzia del governo spinga i rappresentanti della maggioranza a presentare interrogazioni parlamentari".

Poi l'invito a fare in fretta: "Il mio intervento, di qualche giorno fa, ha palesato non solo l'urgenza della presentazione della candidatura quanto la scarsa coesione interna del Governo centrale. Oggi non c'è più tempo da perdere, Milano è pronta ad ospitare la sede del Tribunale europeo dei brevetti il Governo è tenuto ad agire. Milano e il comparto industriale del nord non possono più attendere", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento