rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Politica

Prima missione da sindaco di Sala in Giappone, con Cracco e Costacurta

Scala, cucina e, nonostante il periodo grigio di Milan e Inter, perfino il "grande calcio": questi i temi con i quali il primo cittadino sbarca in Giappone

"Il Balletto della Scala, l’alta cucina, il grande calcio" (sì, Palazzo Marino scrive anche "grande calcio"). È con le sue eccellenze che Milano si presenta a Tokyo, meta della prima missione internazionale dell’Amministrazione Sala. Dal 21 al 24 settembre, infatti, il sindaco di Milano sarà nella capitale giapponese con l’assessore al Turismo, Sport e Tempo libero Roberta Guaineri per richiamare l’attenzione dei principali Tour Operator mondiali - in quei giorni presenti alla Fiera internazionale del Turismo Jata - sull’offerta turistica milanese e il suo potenziale.

Non solo promozione turistica, però. La missione avrà un rilevante profilo politico-istituzionale per le attuali e future relazioni tra le due città e i rispettivi Paesi: nel 2016 ricorrono, infatti, i 150 anni delle relazioni bilaterali Italia-Giappone. Le finalità e gli obiettivi di questo primo viaggio di promozione del brand Milano all’estero sono stati illustrati giovedì pomeriggio, a Palazzo Marino, nel corso di un incontro al quale hanno preso parte - insieme all’assessore Roberta Guaineri - il Sovrintendente del Teatro alla Scala Alexander Pereira, lo chef stellato Carlo Cracco e l’ex difensore del Milan e della Nazionale di calcio italiana Alessandro Costacurta. “Milano - ha commentato l’assessore Guaineri - è una delle città più apprezzate al mondo, visitata da 7,5 milioni di turisti solo nel 2015. Grazie anche all’incoming generato da Expo, oggi la nostra città sta vivendo un periodo positivo in termini di attrattività: si tratta di un trend in crescita, che abbiamo il dovere di rendere durevole nel tempo e potenziare. Gli incontri che caratterizzeranno questa e le future missioni all’estero della nostra Amministrazione saranno finalizzati a questo scopo. Occorre fare sistema, mettere a fattore comune esperienze di qualità e di livello internazionale. Ecco perché abbiamo legato la nostra presenza a Tokyo a quella del balletto della Scala e abbiamo voluto al nostro fianco due ‘fuoriclasse’ del mondo dell’alta cucina e dello sport, come Cracco e Costacurta. Milano ha, infatti, tutte le carte per rappresentare al meglio l’Italia all’estero: abbiamo arte, moda, design, musica, sport, alta ristorazione…i turisti di tutto il mondo hanno quindi ben più di un motivo per scegliere di visitare la nostra città. Il nostro compito sarà farglielo scoprire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima missione da sindaco di Sala in Giappone, con Cracco e Costacurta

MilanoToday è in caricamento