Politica

Morto il sindaco di Lugano per infarto, il cordoglio della Lega e del governatore Fontana

"Un uomo perbene, schietto, con le idee chiare, che lavorava per il bene dei suoi cittadini", scrive Fabrizio Cecchetti (Lega)

"La Lega Lombarda Salvini Premier esprime il suo cordoglio e il suo dolore per la prematura scomparsa dell’amico Marco Borradori, sindaco di Lugano e storico rappresentante della Lega dei Ticinesi. Ho avuto modo di conoscere e apprezzare Borradori, come uomo e come amministratore, nel corso degli anni in cui ha ricoperto incarichi nel Consiglio di Stato ticinese e nella municipalità di Lugano. Un uomo perbene, schietto, con le idee chiare, che lavorava per il bene dei suoi cittadini". Lo dichiara in una nota Fabrizio Cecchetti, vice capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati e coordinatore della Lega Lombarda per Salvini Premier dopo la morte del primo cittadino svizzero.

Borradori, 62 anni, si stava allenando martedì a Vezia, comune del Canton Ticino, per la maratona di New York. All'improvviso è collassato per un attacco cardiaco. Dopo essere stato soccorso da alcuni passanti è stato trasportato d'urgenza in ospedale in condizioni estremamente critiche. Poche ore dopo la notizia del decesso. 

"Ci ha lasciato un amico, Marco Borradori, sindaco di Lugano. Un uomo con il quale ho collaborato fin dai tempi della mia guida alla città di Varese e apprezzato. La sua morte mi ha profondamente colpito. Il mio cordoglio alla famiglia e alla comunità", ha detto il governatore Attilio Fontana.

"Gentile, disponibile, autoironico, amava la sua città, amava viaggiare, leggere e vivere". Così viene descritto Borradori in un articolo della Rsi (Radiotelevisione svizzera di lingua italiana). Esponente della Lega dei Ticinesi fin dagli albori del movimento, fu eletto in Consiglio nazionale nel 1991. Vi rimase fino al 1995 quando entro nel Consiglio di Stato ticinese. Restò in governo fino al 2013, quando fu eletto sindaco della Città di Lugano. "Non ci sono parole per esprimere lo sgomento in simili circostanze" si legge in un post pubblicato sui canali social della Lega dei Ticinesi. "Né ci sembra possibile parlare di Marco come di una persona che non c’è più. È molto difficile ed incredibilmente doloroso accettare che un cammino comune di oltre tre decenni sia stato interrotto così bruscamente ed in modo definitivo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto il sindaco di Lugano per infarto, il cordoglio della Lega e del governatore Fontana

MilanoToday è in caricamento