rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica

"No alla Moschea e chiudere i centri islamici che ospitano predicatori d'odio"

Chiusura netta all'ipotesi di moschee a Milano per Osnato (Fratelli d'Italia), ma il centrodestra è diviso

Tiene ancora banco il tema della moschea a Milano. Il centrodestra cittadino non è compatto: ognuno ha una sua proposta. E anche sull'ipotesi del referendum consultivo non sono tutti d'accordo. La Lega Nord continua a chiederlo con forza e il suo segretario federale Matteo Salvini prosegue nell'impegno a una legge regionale che lo renda obbligatorio.

Della stessa opinione alcuni esponenti di Forza Italia, ma non - ad esempio - il coordinatore cittadino Giulio Gallera, secondo cui "il diritto di culto devono averlo tutti" (spiega in un'intervista ad Affari Italiani) e - con il referendum - si rischia di creare un precedente che poi potrebbe essere utilizzato per qualsiasi punto critico, impedendo di fatto la crescita e i cambiamenti. Dubbi anche da parte del comitato Jenner Farini, che da anni fa i conti con un luogo inadatto a un centro islamico tanto che spesso, al venerdì, i musulmani pregano sui marciapiedi. E che ora invita a essere favorevoli alle moschee.

Va ancora oltre Marco Osnato (Fratelli d'Italia), secondo cui "in Italia e a Milano la pratica della religione musulmana è in mano ad alcuni gruppuscoli che rappresentano realtà teocratiche poco inclini a rispettare i dogmi del vivere civile occidentale" e fa notare che non è colpa dei politici di destra se "a Milano ci sono luoghi di culto riconosciuti di tutte le religioni meno che una moschea".

Secondo il consigliere di Fdi a Palazzo Marino, dunque, occorrerebbe "chiudere tutte le realtà mascherate da centri culturali che spesso ospitano predicatori di odio contro il nostro Paese e nessuna nuova apertura fino a che non ci sarà un vero e proprio sodalizio musulmano in grado di stipulare un accordo con l'Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No alla Moschea e chiudere i centri islamici che ospitano predicatori d'odio"

MilanoToday è in caricamento