"No alla Moschea e chiudere i centri islamici che ospitano predicatori d'odio"

Chiusura netta all'ipotesi di moschee a Milano per Osnato (Fratelli d'Italia), ma il centrodestra è diviso

Un minareto

Tiene ancora banco il tema della moschea a Milano. Il centrodestra cittadino non è compatto: ognuno ha una sua proposta. E anche sull'ipotesi del referendum consultivo non sono tutti d'accordo. La Lega Nord continua a chiederlo con forza e il suo segretario federale Matteo Salvini prosegue nell'impegno a una legge regionale che lo renda obbligatorio.

Della stessa opinione alcuni esponenti di Forza Italia, ma non - ad esempio - il coordinatore cittadino Giulio Gallera, secondo cui "il diritto di culto devono averlo tutti" (spiega in un'intervista ad Affari Italiani) e - con il referendum - si rischia di creare un precedente che poi potrebbe essere utilizzato per qualsiasi punto critico, impedendo di fatto la crescita e i cambiamenti. Dubbi anche da parte del comitato Jenner Farini, che da anni fa i conti con un luogo inadatto a un centro islamico tanto che spesso, al venerdì, i musulmani pregano sui marciapiedi. E che ora invita a essere favorevoli alle moschee.

Va ancora oltre Marco Osnato (Fratelli d'Italia), secondo cui "in Italia e a Milano la pratica della religione musulmana è in mano ad alcuni gruppuscoli che rappresentano realtà teocratiche poco inclini a rispettare i dogmi del vivere civile occidentale" e fa notare che non è colpa dei politici di destra se "a Milano ci sono luoghi di culto riconosciuti di tutte le religioni meno che una moschea".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il consigliere di Fdi a Palazzo Marino, dunque, occorrerebbe "chiudere tutte le realtà mascherate da centri culturali che spesso ospitano predicatori di odio contro il nostro Paese e nessuna nuova apertura fino a che non ci sarà un vero e proprio sodalizio musulmano in grado di stipulare un accordo con l'Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento