rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Politica

Nuova moschea di Milano: è scontro tra Pdl e Lega

De Corato, vicesindaco di Milano, chiede al Viminale una legge che regoli i luoghi di culto islamici. Maroni: "non è di nostra competenza, altrimenti sarebbe un problema di ordine pubblico"

E' ancora polemica tra Pdl e Lega: il nuovo terreno di scontro riguarda la nuova moschea di Milano. Il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato si è rivolto al ministro dell'interno Roberto Maroni invocando la necessità di una legge nazionale per disciplinare i luoghi di culto islamici: "Come ministro dell'Interno ha le competenze per farla. Finché non sarà varata, come ha detto il sindaco, non ci sarà a Milano alcuna moschea"e aggiunge "così come serve un' intesa tra Stato e comunità musulmana, al momento inesistente".

Secondo il vicesindaco De Corato il Viminale si era impegnato nell'istituzione della suddetta normativa: "Maroni dice che la questione moschea non lo riguarda. Ma era stato lui stesso in occasione di un vertice in prefettura del 18 settembre 2009 a dire che non ci sarebbe stata una moschea prima di un suo disegno di legge." Maroni invece non si pronuncia sulla questione, salvo spiegare di essere a favore dei luoghi di culto, purché siano effettivamente tali. "Non può riguardare il ministro dell'Interno, sennò sarebbe un problema di ordine pubblico. La programmazione del territorio viene lasciata a chi governa il territorio". Aggiunge Maroni: "La mia opinione sulla nuova moschea a Milano? Io sono per i luoghi di culto, quello che voglio contrastare è utilizzare come luogo di culto quello che non è un luogo di culto, certi centri culturali dove si fa la macellazione, si predica... Se la moschea è un luogo di culto credo sia un momento giusto di integrazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova moschea di Milano: è scontro tra Pdl e Lega

MilanoToday è in caricamento