rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Sit-in / Duomo / Piazza Cordusio

Tensione al presidio per Israele: consiglieri si presentano con cartello "Stop genocidio"

Due consiglieri comunali dei Verdi vengono allontanati. Poi, senza cartello, viene loro data la parola

Attimi di tensione, domenica, al presidio contro l'antisemitismo (e le aggressioni alla Brigata ebraica del 25 aprile) organizzato da Daniele Nahum (Azione). "Contro le minacce agli ebrei e contro il genocidio a Gaza" è il cartello con il quale si sono presentati in Cordusio a Milano i consiglieri comunali dei Verdi Tommaso Gorini e Francesca Cucchiara.

I due consiglieri erano insieme ad altre due persone. "Stuzzicavano i partecipanti" ha spiegato il presidente della Comunità ebraica Walker Meghnagi, che ha chiesto al presidio di spostarsi di qualche metro mentre la Digos ha identificato i due consiglieri in un normale controllo. Gorini, prima dell'inizio del presidio, ha sottolineato la necessità di avere piazze "non divisive, la nostra sensazione che ci sia un tentativo pericoloso, quello di separare e usare strumentalmente l'antisemitismo. Se può dire che è contro l'antisemitismo solo chi appoggia il colonialismo sionista, non sono assolutamente d'accordo - ha spiegato - ma allo stesso tempo reputiamo giusto essere in tutte le piazze".

Mezz'ora dopo, proprio quando Nahum ha preso la parola, dei ragazzi dalla parte opposta hanno iniziato a contestare. "E ho detto loro di andarsene via" ha spiegato Meghnagi contento comunque della manifestazione che "è andata benissimo. C'erano praticamente tutti i partiti che ringrazio".

I consiglieri - che sono poi rimasti senza il cartello - sono poi intervenuti dal palco. A Gorini "ho dato la parola avendo invitato trasversalmente tutte le parti politiche", ha detto Nahum che comunque al microfono ha ribadito che "a Gaza non è in corso alcun genocidio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tensione al presidio per Israele: consiglieri si presentano con cartello "Stop genocidio"

MilanoToday è in caricamento