Voti di scambio, testimone a processo il fratello di Mino Reitano

In aula ha spiegato d'avere chiesto a Zambetti (ex assessore regionale alla casa) un aiuto per far lavorare il genero

Domenico Zambetti

"Mi serviva un favore per mio genero". Così Vincenzo Reitano, fratello del cantautore Mino, ha giustificato il contatto con Domenico Zambetti, ex assessore regionale alla casa del pdl, imputato per voto di scambio con la 'ndrangheta. Reitano è stato sentito come testimone.

Ha riferito di avere incontrato Zambetti prima a margine di uno spettacolo in memoria del fratello, poi durante una cena elettorale in centro a Milano, e ha chiesto aiuto al politico per un lavoro in qualche ufficio regionale per il genero, di professione commercialista. Reitano ha anche aggiunto che Zambetti non gli ha chiesto di "raccogliere voti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, Metropolitana M4: ecco le prime immagini della fermata dell'aeroporto Linate

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

Torna su
MilanoToday è in caricamento