Rom, polemiche sui soldi del comune

Il piano rom finanziato dal governo, le case mobili di via Martirano anche. Ma spuntano 300mila euro della direzione politiche sociali

Accampamento rom (foto Tm News/Infophoto)

Si accende lo scontro sui nomadi a Milano. Prima la notizia di un nuovo centro d'accoglienza in via Lombroso, che non sarebbe riservato solo a loro, ma anche ai senzatetto e ai rifugiati. Si tratta di una struttura in linea con l'idea (teoricamente condivisa da tutti) di chiudere una volta per sempre i campi rom e dare un segnale di accoglienza, appunto, temporanea a coloro che accettano percorsi di integrazione, ma tant'è bastato per far scatenare polemiche. Nonostante, ad esempio, sia stato chiarito che verrà sorvegliato 24 ore su 24 dai vigili, qualcuno ha ribattuto che porterà ancora più persone a rubare nel vicino Ortomercato.

Poi la riattivazione del piano rom pensato da Maroni quand'era ministro dell'interno. Il piano contava su 13 milioni di euro (dello Stato e dell'Unione europea), ne sono rimasti cinque perché gli altri otto sono stati spesi dalla Moratti, ma anche qui tant'è bastato per scatenare l'inferno sulla pagina Facebook del comune di Milano, dove l'amministrazione aveva postato la spiegazione dettagliata di cosa intende fare per il discorso nomadi. Messaggi sprezzanti che, in alcuni casi, incitano addirittura a bruciare i campi o a rispedire i rom "in massa" nei loro Paesi d'origine. Tanto che il presidente della commissione sicurezza, Gabriele Ghezzi, ha presentato denuncia alla polizia postale.

L'ultima polemica riguarda i soldi spesi direttamente da Palazzo Marino. Granelli ha replicato duramente che il comune non spende un solo euro, il centrodestra ha sventolato un bando del 3 aprile 2013, che scade il 13 maggio, per 20 case mobili ai rom di via Martirano (Muggiano), per 507mila euro che poi diventano 642mila con le spese accessorie (arredi, oneri di sicurezza e così via). Majorino ha però precisato che si tratta di un progetto del 2007 (giunta Moratti, quindi), chiamato "dal campo al villaggio", finanziato dal ministero del lavoro e delle politiche sociali dell'allora governo Berlusconi. Quindi non dal comune.

Planimetria di via Martirano e prospetto delle case mobili

planimetria via martirano-2 piantina case mobili rom-2

La giunta di Milano ha però deliberato, il 15 marzo, la spesa di 300mila euro per finanziare una convenzione con la prefettura "per la gestione del progetto rom, sinti e camminati 2012-2014". Questi 300mila euro vengono "stanziati sul bilancio della direzione centrale politiche sociali e cultura della salute", andando ad aggiungersi a 5.691.000 euro del ministero dell'interno (i quasi 6 milioni del "piano rom").

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento