rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Politica

Nomine Trivulzio, Pannella litiga con Pietro Tatarella

Il giovane consigliere comunale del Pdl aveva fatto cenno alla love story tra la Bonino e il neo-nominato Marcello Crivellini. Il leader radicale gli risponde per le rime

Il Pio Albergo Trivulzio ha un nuovo consiglio d'amministrazione. Sono stati infatti nominati i nuovi membri, che vanno a occuparsi della gestione della storica "baggina", dopo lo scandalo degli affitti e il successivo commissariamento affidato a Emilio Triaca.

Pisapia ha nominato Francesca Floriani, Marcello Crivellini, Laura Ferro e Francesco Longo. La regione ha nominato Luigi Magliocchi, Tiziana Maiolo e Bruno Perboni. Su sette nominati, dunque, soltanto due hanno un passato politico: Crivellini (ex deputato radicale) e la Maiolo (ex assessore alle politiche sociali, passata da Forza Italia a Fli e poi di nuovo nell'orbita del Pdl).

"Una ventata d'aria fresca", è il commento dell'assessore Pierfrancesco Majorino. Opposta visione per il centro-destra, con il consigliere comunale del Pdl Pietro Tatarella che attacca soprattutto il nome di Crivellini: "Passato alle cronache più per la love story con Emma Bonino che per l'attivismo in parlamento. Anche i radicali, così attenti nel contrastare le nomine di natura politica, sono sensibili al fascino delle poltrone. Magari da destinare a qualche amico riciclato in età da pensione".

Crivellini, 65enne, è stato infatti deputato radicale dal 1979 al 1987, e dal 1994 al 2000 è stato commissario straordinario dell'Istituto Nazionale di Ricovero e Cura degli Anziani. Come ricercatore medico si occupa di processi di riabilitazione, e insegna analisi e organizzazione dei sistemi sanitari al Politecnico. E a Pietro Tatarella ha risposto direttamente Marco Pannella, facendo leva sulla parentela tra il giovane consigliere comunale di Milano e "Pinuccio" Tatarella, che fu leader di Alleanza Nazionale dopo il congresso di Fiuggi.

Pannella comincia ricordando a Tatarella il curriculum di Crivellini: "Caro Tatarella, vergognati! Potresti, magari utilizzando l'archivio parlamentare e politico di Radio Radicale, informarti sulle qualità straordinaria, civile, professionale e parlamentare di Marcello Crivellini". Continua Pannella: "Se non ti chiamassi come ti chiami si sarebbe trattato semplicemente, per me, di una inezia, come diremmo dalle nostre parti, meschina".

Benevolo il finale del leader radicale: "Sei molto giovane e voglio davvero potere con questa mia lettera aperta aiutarti a essere, come Pinuccio e assolutamente non solo lui, un Tatarella. Spero tra qualche anno di poterti mandare, di nuovo pubblicamente, una lettera ben diversa ma, magari, da una sorta di 'zio Marco' ".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nomine Trivulzio, Pannella litiga con Pietro Tatarella

MilanoToday è in caricamento